MetropolNews

02:1706042020

Ultimo Aggiornamento01:04:45 PM GMT

Back Attualità Attualità Il chewing gum allo xilitolo riduce la carie

Il chewing gum allo xilitolo riduce la carie

VIVIDENTSono stati presentati nel corso di una conferenza stampa i risultati del più importante e completo studio italiano sull’utilizzo del chewing gum contenente xilitolo come strumento integrativo per la prevenzione dalla carie. Lo studio è stato realizzato dall’Università degli Studi di Milano con il proprio Centro di Collaborazione OMS per l’Epidemiologia e l’Odontoiatria di Comunità e l’Istituto di Clinica Odontoiatrica dell’Università degli Studi di Sassari, con il parziale supporto di Perfetti Van Melle, che ha fornito il sostegno all’iniziativa nell’ambito del proprio impegno per la ricerca scientifica.

Lo studio presentato da Laura Strohmenger - Professore Ordinario

presso l’Università degli Studi Milano e Coordinatore del Progetto Ministeriale Sperimentazione territoriale di un programma integrato di oral health - è durato complessivamente  due anni e mezzo e si è concluso nel 2011. I primi risultati dello studio sono stati pubblicati su Caries Research nel 2009 mentre i risultati conclusivi sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Clinical Oral Investigation nel 2012.

La divulgazione dei risultati dello studio sono stati preceduti dall’intervento del dott. Fabrizio Oleari, Capo del Dipartimento della sanità pubblica e dell’innovazione del Ministero della Salute, che si è particolarmente soffermato sulla descrizione analitica della situazione dell’odontoiatria in Italia ed in altri paesi europei. Lo stesso, inoltre, ha riferito del contributo che il Dicastero della salute sta fornendo in questi anni per migliorare lo stato di salute orale dei nostri concittadini, specie attraverso azioni progettuali di prevenzione portate avanti in collaborazione con diverse realtà universitarie nazionali. La maggior parte di tali iniziative vedono il coinvolgimento degli individui in età evolutiva, poiché si è visto come le azioni di promozione della salute orale impostate nei primi anni di vita consentono l’instaurarsi di abitudini personali durature nel tempo.

La diffusione della cultura della prevenzione e la promozione di idonee e scientificamente provate misure di prevenzione tradizionale/integrativa sono stati gli argomenti presi in considerazione dal dott. Michele Nardone, Dirigente Medico del Dipartimento della sanità pubblica e dell’innovazione del Ministero della Salute. Lo stesso ha disegnato il quadro epidemiologico nel nostro Paese delle malattie più tipiche del cavo orale: carie, malattia parodontale, edentulismo, cancro della bocca. In relazione alla malattia cariosa, i dati in possesso evidenziano che a 4 anni di età il 20,61% degli individui presenta lesioni cariose in atto; a 12 anni, il 43,99% dei soggetti è affetto da carie, con un aumento della stessa al crescere dell’età. Tutto ciò conferma il dato secondo il quale tale malattia rappresenta la patologia cronica più frequente specie nei paesi a più elevato reddito, come l’Italia, concentrandosi particolarmente nelle fasce più “deboli” della popolazione.

La professoressa Laura Strohmenger ha argomentato in merito allo xilitolo che è un edulcorante di origine vegetale utilizzato nel chewing gum come sostituto dello zucchero.  Questo ingrediente fa parte della famiglia dei polialcoli, sostanze non cariogene che hanno la peculiarità di non essere fermentate dai batteri del cavo orale e, quindi, di non consentire la formazione degli acidi che corrodono lo smalto. A differenza degli altri polialcoli, lo xilitolo è considerato anche cario-protettivo perché svolge un’azione specifica contro gli streptococchi del gruppo mutans, batteri collegati allo sviluppo della carie.

Relativamente allo studio, questo è stato condotto su bambini di età compresa fra i 7 e 9 anni iscritti alle scuole elementari di Sassari. 176 bambini, risultati selezionati come ad alto rischio di carie e con elevata concentrazione di mutans streptococchi, sono stati divisi in due gruppi: i bambini del primo (gruppo xilitolo) hanno masticato chewing gum senza zucchero contenenti xilitolo, mentre quelli del secondo (gruppo controllo) hanno masticato chewing gum senza zucchero non contenenti xilitolo. L’introduzione del chewing gum in entrambi i gruppi è stata in aggiunta alle pratiche fondamentali di igiene orale, cioè l’uso di spazzolino e dentifricio, senza il cambiamento di stili alimentari.

La somministrazione controllata di chewing gum è durata 6 mesi, durante i quali i bambini del primo gruppo hanno assunto circa 11g di xilitolo al giorno. Alla fine del periodo di masticazione, i bambini del gruppo xilitolo avevano meno streptococchi nella saliva e una placca con minore capacità di generare acidi.

Terminati i primi sei mesi, la prevenzione della carie è stata affidata, sostanzialmente, ai singoli, mediante l’uso di spazzolino e dentifricio al fluoro. Dopo due anni, un tempo sufficiente per lo sviluppo di carie, è stato deciso di richiamare i bambini per una visita di controllo finale. Tramite dei questionari trimestrali è stato possibile determinare che i due gruppi, partiti con una condizione del cavo orale identica, sono rimasti comparabili nel corso di tutto il periodo dello studio, per pratiche di prevenzione e abitudini alimentari. L’unica differenza sostanziale è stata la masticazione di chewing gum con o senza xilitolo per i primi sei mesi.

Durante la visita finale è stata valutata la progressione delle carie, che sono state quantificate e classificate in base alla gravità. Le carie chiamate “a livello D1-D2”, che interessano solo lo smalto, sono state identificate e raggruppate come carie dello smalto. Le carie “a livello D3”, che interessano anche la dentina, sono state identificate come lesioni cariose. I risultati sono stati i seguenti: •Nel gruppo controllo, il 16,66% dei bambini aveva nuove carie dello smalto, mentre per il gruppo xilitolo questo valore era del 2,86%. •Il 10,26% dei bambini del gruppo di controllo aveva nuove lesioni cariose, nel gruppo xilitolo, invece, l’incremento è stato dell’1,43%.

È quindi evidente che i bambini del gruppo xilitolo hanno avuto molte meno carie, rispetto al gruppo controllo, sia a livello  di smalto, che a livello di dentina.

Questi risultati hanno permesso di evidenziare un dato particolarmente importante: una riduzione di rischio relativo di contrarre nuove carie pari all’82% per il gruppo xilitolo rispetto al gruppo controllo.

La Prof.ssa Strohmenger ha concluso commentando come “alla base dei risultati di questo studio, siamo sempre più convinti che l’utilizzo di chewing gum con xilitolo sia un’efficace e poco costoso strumento preventivo nei confronti del rischio carie. La prevenzione deve essere svolta in ogni luogo, a casa, come a scuola e al lavoro. Il risultato di questo studio, che è stato svolto in condizioni di vita reali, dà indicazioni utilizzabili da tutti nella vita di ogni giorno. - Infine - come è stata fondamentale la collaborazione delle autorità scolastiche e delle famiglie per realizzare la sperimentazione, a maggior ragione, questa collaborazione è importante se si vogliono instaurare programmi di prevenzione a livello nazionale”.

Ultima modifica 18 Marzo 2013
Valuta questo articolo
(0 Voti)