Ostensione della Sacra Sindone e visita del Papa a Torino

Post by: 25 Marzo 2015
Logo-Sindone-2015-512pxL’esposizione della Sindone è stata concessa dal Papa in occasione dei 200 anni dalla nascita di san Giovanni Bosco. Un’attenzione particolare sarà dedicata, oltre che al mondo salesiano, ai giovani e a chi vive nella sofferenza (malati, accompagnatori), con momenti specifici di pellegrinaggio e organizzazione di iniziative di accoglienza. 
 
La Sindone viene esposta a Torino nella cattedrale di San Giovanni Battista dal 19 aprile al 24 giugno. Tutti i giorni, dalle 7.30 alle 19.30, sarà possibile compiere il percorso di avvicinamento e, dopo la “prelettura”
del Telo, entrare in Duomo. Non si potrà visitare la Sindone il 19 aprile (giorno di apertura) e il 20 e 21 giugno, quando ci sarà la visita di Papa Francesco. La visita alla Sindone è completamente gratuita, la prenotazione è obbligatoria, tramite il sito ufficiale www.sindone.org e il call center +39/011.5252550. Questa del 2015 è la quarta ostensione del millennio, dopo quelle del 2000 e 2010 e la televisiva del 30 marzo 2013. 
 
L'ostensione inizia domenica 19 aprile con la celebrazione eucaristica delle 11 presieduta dal Custode mons. Cesare Nosiglia con i vescovi del Piemonte. La Messa sarà trasmessa in diretta su Rai1.. 
 
«L'Amore più grande», richiamo dal Vangelo di Giovanni (15,13) è il motto scelto dal Custode per questa ostensione. È l'amore di Dio, manifestato nella Passione di Gesù Cristo, nel dono totale della vita, che spinge ciascuno di noi a mettersi a servizio dei fratelli, e dei più poveri in particolare. 
Il logo dell'ostensione è stato individuato partendo dalla ricerca dei giovani torinesi dell'Accademia di Belle Arti e di gruppi di parrocchie. L'Agenzia Armando Testa lo ha elaborato, facendolo diventare il «manifesto» di questa esposizione della Sindone. 
 
Per l’ostensione della Sindone, come nelle precedenti esposizioni, è indispensabile il lavoro svolto dai volontari, provenienti dalle comunità cristiane torinesi e da altre associazioni: sono oltre 4.500, e provvederanno a tutti i servizi di accoglienza dei pellegrini lungo il percorso, all’assistenza sanitaria e per i disabili, all’accoglienza nelle chiese del centro storico dove si terranno celebrazioni liturgiche o dove i pellegrini si recheranno in visita. 
I volontari saranno suddivisi in gruppi per i diversi servizi nei 67 giorni di Ostensione: al punto accoglienza in viale dei Partigiani, nel percorso, nelle sale di pre-lettura del Telo sindonico, in Duomo, presso la Penitenzieria e la Cappella dell’Adorazione, nelle chiese del centro storico, presso il Museo Diocesano e il Museo della Sindone, a sostegno di malati e disabili, e come lettori della preghiera che accompagnerà il tempo di permanenza dei pellegrini davanti alla Sindone. 
Un servizio volontario di particolare importanza è quello svolto dal personale sanitario: medici e infermieri specializzati che, in accordo con le strutture pubbliche, sono a disposizione lungo il percorso per soccorrere gli eventuali visitatori in difficoltà. Medici e infermieri che volessero prestare servizio possono mettersi in contatto tramite il sito www.sindone.org
 
Il percorso che i fedeli dovranno seguire per raggiungere il Duomo e avvicinarsi alla Sindone è lungo 850 metri e quasi completamente coperto. Il punto di accoglienza e accesso sarà in viale Partigiani, poi i pellegrini attraverseranno i Giardini Reali alti e la manica nuova di Palazzo Reale, l’area della pre-lettura per la preparazione alla visione del Telo, proiezione di immagini con dettagli del Santo Sudario, prima di entrare nella cattedrale e potersi fermare qualche minuto davanti alla Sindone. In allestimento anche altri servizi come il bookshop ufficiale dell’ostensione in piazza Castello all’angolo con via Palazzo di Città ,funzionerà anche come centro per prenotazioni in giornata, e le penitenzierie che troveranno posto nelle chiese del Corpus Domini e dello Spirito Santo e in una tensostruttura posizionata in piazza San Giovanni ,quest’ultima disporrà di confessionali attrezzati per l’accesso dei disabili. 
 
Il sito e i social hanno una veste grafica rinnovata e una diversa impostazione dei contenuti per  www.sindone.org  sito ufficiale della Commissione diocesana per la Sindone e unico punto di prenotazione telematica per il pellegrinaggio. 

images nb


In primo piano, nel portale della Sindone, tutte le notizie sui servizi e gli eventi legati all’Ostensione 2015. In posizione centrale le sezioni dedicate all’accoglienza e alle iniziative per malati, disabili e per i giovani, soggetti cui è particolarmente rivolta l’Ostensione, e quelle che riguardano i volontari e la visita del Papa. 
Tramite il pulsante «prenota la tua visita» si accede al sistema di prenotazione della visita alla Sindone disponibile in italiano, inglese, francese, spagnolo, tedesco, polacco, russo. Il sito è interamente in tre lingue: italiano, inglese e francese, ma i comunicati e le informazioni di particolare importanza saranno disponibili anche nelle altre principali lingue europee (spagnolo, tedesco, russo). 
Il lavoro di informazione e comunicazione sulla Sindone è svolto in collaborazione con www.sindone.it , sito del Centro di Sindonologa, del Museo della Sindone e della Confraternita del Santo Sudario. 
In occasione dell’Ostensione 2015 la comunicazione passa per la prima volta anche attraverso i canali Social più diffusi. Questi gli account attivi e continuamente aggiornati: 
 
Twitter @Sindone2015
 
Facebook www.facebook.com/sindone2015
 
YouTube Sindone2015
 
Il programma della Visita di Papa Francesco a Torino il 21 e il 22 giugno 2015 
 
Domenica 21 giugno 
Ore 8 
Arrivo all’aeroporto di Torino Caselle 
Il Santo Padre è accolto da: 
- S. E. Mons. Cesare Nosiglia, Arcivescovo di Torino 
- On. Sergio Chiamparino, Presidente della Regione Piemonte 
- Dottoressa Paola Basilone, Prefetto di Torino 
- On. Piero Fassino, Sindaco di Torino 
Trasferimento in auto a Piazzetta Reale. A piazza Rebaudengo il Santo Padre sale sull’auto scoperta. 
Ore 8.30 
Piazzetta Reale: Incontro con il mondo del lavoro 
Saluti di un’Operaia, di un Agricoltore e di un Imprenditore 
Discorso del Santo Padre 
Terminato l’incontro, il Santo Padre entra a piedi nella Cattedrale 
Ore 9.15 
In Cattedrale: Preghiera davanti alla Sindone e breve sosta davanti all’altare del Beato Pier Giorgio Frassati. 
Sono presenti: suore di clausura e sacerdoti ospiti delle case del Clero della Diocesi, il Capitolo dei canonici, la Commissione Sindone, alcuni parenti del Beato Piergiorgio Frassati, il Cardinale Poletto e i vescovi della Conferenza Episcopale Piemontese e Valdostana. 
Ore 10 
Il Santo Padre lascia la Cattedrale e si reca in Piazza Vittorio 
Ore 10.45 
Piazza Vittorio: Concelebrazione eucaristica 
Omelia 
Angelus 
Ringraziamento di S. E. Mons. Cesare Nosiglia, Arcivescovo di Torino 
Al termine della celebrazione eucaristica, il Santo Padre raggiunge in auto l’Arcivescovado. 
Lungo via dell’Arcivescovado sono schierati, al passaggio del Santo Padre, i Militari dell’attigua Scuola di Formazione. 
Ore 13 
In Arcivescovado: pranzo con i Giovani detenuti del Carcere minorile “Ferrante Aporti”, alcuni immigrati e senza fissa dimora e una famiglia Rom. 
Ore 14.30 
Il Santo Padre lascia l’Arcivescovado e si reca al Santuario della Consolata 
Ore 14.40 
Santuario della Consolata: Visita e preghiera in privato 
Nel santuario sono presenti i sacerdoti ospiti della Casa 
Ore 14.45 
Il Santo Padre esce dal Santuario e si trasferisce alla Basilica di Maria Ausiliatrice 
Ore 15 
Basilica di Maria Ausiliatrice: Incontro con i Salesiani e le Figlie di Maria Ausiliatrice 
Sul piazzale antistante la Basilica il Santo Padre saluta i giovani educatori e animatori degli oratori 
Saluti di Don Ángel Fernández Artime, Rettor Maggiore dei Salesiani, e di Suor Yvonne Reungoat, Superiora Generale delle Figlie di Maria Ausiliatrice 
Discorso del Santo Padre 
Ore 16 
Il Santo Padre raggiunge in auto il Cottolengo 
Chiesa del Cottolengo: Incontro con gli Ammalati e i Disabili 
Saluti di Don Lino Piano, Padre della Piccola Casa e di un Ammalato 
Discorso del Santo Padre 
Ore 17.30 
Terminato l’incontro con gli Ammalati, il Santo Padre lascia il Cottolengo e si reca in auto in Piazza Vittorio 
Ore 18 
Piazza Vittorio: Incontro con i Ragazzi e i Giovani 
Saluti e domande di alcuni giovani 
Discorso del Santo Padre 
Concluso l’incontro con i Giovani, il Santo Padre rientra in Arcivescovado 
Ore 19.30 
In Arcivescovado: cena e riposo
 
Lunedì 22 giugno 
Ore 8.45 
Il Santo Padre lascia l’Arcivescovado e si trasferisce in auto al Tempio Valdese, in Corso Vittorio Emanuele II 
Ore 9 
All’ingresso del Tempio il Santo Padre è accolto da: 
- Pastore Eugenio Bernardini, Moderatore della Tavola Valdese 
- Presidente del Concistoro della Chiesa Evangelica Valdese 
- Pastore Paolo Ribet 
Nel Tempio: 
Saluto del Pastore Paolo Ribet 
Saluto del Pastore Eugenio Bernardini 
Discorso del Santo Padre 
Canto Corale, e preghiera del Padre Nostro 
Terminato l’incontro, il Santo Padre si trasferisce nel salone attiguo per incontrare una Delegazione e scambio di doni 
Ore 10.15 
Il Santo Padre lascia la chiesa Valdese e rientra in Arcivescovado 
In forma strettamente privata, il Santo Padre incontra alcuni Suoi Famigliari; celebra per loro la Santa Messa nella Cappella dell’Arcivescovado e pranza con loro in Arcivescovado 
Ore 16.30 
Prima di lasciare l’Arcivescovado, il Santo Padre incontra brevemente i membri del Comitato dell’Ostensione, gli organizzatori e i sostenitori della visita 
Ore 17 
Il Santo Padre parte in auto dall’Arcivescovado e raggiunge l’aeroporto di Torino Caselle. Lungo il percorso il Santo Padre viene salutato dai giovani dell’Estate Ragazzi 
Ultima modifica 25 Marzo 2015
Valuta questo articolo
(0 Voti)
Vai Su