MetropolNews

15:4421082018

Ultimo Aggiornamento01:04:45 PM GMT

Back Attualità Attualità Il Ballo del Doge a Venezia , Rinascita e Celebrazione, Tempo e Piaceri della vita

Il Ballo del Doge a Venezia , Rinascita e Celebrazione, Tempo e Piaceri della vita

9c3aa981b7Il Ballo del Doge a Venezia , Rinascita e Celebrazione, Tempo e Piaceri della vita .

Sabato 10 febbraio 2018 – ore 20.30 Palazzo Pisani Moretta - Venezia

Rinascita e Celebrazione, Tempo e Piaceri della vita. La solennità di una ricorrenza e la coincidenza di traguardi importanti che rappresentano un nuovo inizio: saranno queste le suggestioni de Il Ballo del Doge 2018 che avrà luogo Sabato 10 febbraio 2018 a Palazzo Pisani Moretta, nella splendida Venezia.ballo-del-doge-20

Il Galà internazionale di Carnevale più famoso al mondo compie 25 anni e nella stessa sera, celebrando questo importante anniversario, allo scoccare della mezzanotte la sua ideatrice Antonia Sautter festeggerà il suo compleanno all'insegna delle sue stesse parole "I traguardi non sono mai un punto d'arrivo, ma tappe per ricominciare una nuova avventura".

"Rebirth & Celebration" il titolo della XXV edizione si svelerà, come di consueto, attraverso i tre piani dello storico palazzo veneziano che affaccia sul Canal Grande, diventando il fulcro di un unicum incredibile.

Al Piano Terra, Rebirth, la Rinascita in sintonia e all'unisono con il respiro di Madre Natura, ancora generosa con noi, malgrado le offese della supposta modernità; uno sprone ad abbracciare il nostro vero io con leggerezza, facendo della propria raggiunta consapevolezza un processo di grande splendore.

Al Primo Piano, il Tempo fuggevole, l'unico grande lusso della vita che tutti vorremmo fermare; il Tempo per amare, gioire, viaggiare, sperimentare e realizzare desideri; Il Tempo di celebrare la bellezza come conquista dell'esistenza.Il Ballo del Doge gallery

Al Secondo Piano, il Piacere come motore universale e supremo godimento di ogni istante; il Piacere come passione e creatività, come coscienza massima dell'effimero; il Piacere come bellezza e libertà. Perché solo se nel brivido della trasgressione si nasconde un inconsapevole ritorno all'istinto e alla vita percepita attraverso i cinque sensi, allora la Rebirth può davvero considerarsi avvenuta.Antonia Sautter

Il Ballo del Doge è il ballo in maschera per antonomasia: rientra nel novero dei 10 eventi mondani più ambiti del globo e fra le 100 esperienze da fare almeno una volta nella vita. Definito coralmente dalla critica "Il ballo più sontuoso, raffinato ed esclusivo al mondo".

Antonia Sautter metterà in scena un nuovo sogno traboccante di allestimenti scenografici, musiche originali a corredo delle esibizioni, luci ed effetti speciali per diffondere negli ambienti un'atmosfera irripetibile, insieme alle straordinarie perfomance di oltre 100 artisti che si esibiranno sotto la sua regia e che Olympus immortalerà con le sue macchine fotografiche mirrorless.

Ogni ospite, indossando uno degli oltre 1.500 costumi disegnati da Antonia Sautter e realizzati interamente a mano nel suo Atelier di Venezia, prenderà parte ad una rivisitazione contemporanea dei sontuosi banchetti del '700, degustando raffinate pietanze a firma di Luca Marchini, chef stellato che ha ideato il menù ispirandosi al tema dell'evento e dando importanza all'esperienza tattile che il cibo offre oltre che alle emozioni palatali, accompagnate dall'inconfondibile perlage dello Champagne Vranken-Pommery, che illuminerà i brindisi di tutti i presenti nella magica atmosfera del Carnevale.00e7056ec788d5b42162a6c13dbba43c XL

Inediti cocktail ispirati ai temi de Il Ballo del Doge renderanno Absolut Elyx, The Glenlivet18 e Plymouth complici di questa straordinaria XXV edizione. Per un sogno che durerà tutta la notte.

La Maison Pommery - Reims

Dal 1836, la Maison Pommery è un universo prestigioso fatto di raffinatezza, eleganza e tradizione, ma anche di quel singolare tocco che ha fatto del suo Champagne un'opera d'arte, o più propriamente, un'opera dell'Arte di Vivere. Tutti gli assemblaggi della Maison sono pensati per dare allo Champagne leggerezza e raggiungere la perfetta armonia tra sapori ed emozioni.

Il Domaine Pommery si estende oggi su 50 ettari tra edifici e giardini che affascinano i visitatori, in particolare per l'architettura neo-gotica elisabettiana che contraddistingue gli edifici. Per volontà di Madame Pommery, il centro produttivo del Domaine è diventato un luogo splendido, visitato ogni anno da migliaia di persone. L'architettura, i vitigni coltivati a giardino e lo splendido paesaggio che li circonda: tutto nel Domaine prende vita dalla vivace bellezza che affonda le radici nella terra della Champagne.champagne-pommery-brut-

La visita prosegue sottoterra, lungo i 18 chilometri di imponenti cantine ricavate da 120 antiche cave di gesso di origine gallo-romana: un ambizioso progetto realizzato in dieci anni di lavori dal 1868 al 1878.

La visita a questa "cattedrale sotterranea" è superba: vi si accede da una sontuosa scalinata di 116 gradini che porta a 30 metri sotto terra, aprendo ad uno degli spettacoli più imponenti delle Maison di Champagne.

Nel 1874, grazie alla visione ed intuizione di Madame Louise Pommery, il mondo intero conobbe il primo Brut Millesimato della storia dello Champagne: un gusto ed un dosaggio che hanno cambiato lo stile e l'approccio del vino più celebre al mondo. Se oggi si beve Champagne Brut, lo si deve alla Maison Pommery.

Dal 2002 la Maison Pommery è di proprietà del Gruppo Vranken Pommery Monopole, secondo produttore mondiale di Champagne. Il portafoglio dei marchi comprende Vranken, Diamant, Demoiselle, Charles Lafitte ed Heidsieck Monopole & CO. Inoltre il Gruppo vanta proprietà nel sud della Francia nelle aree di Provenza e Camargue dove è leader nella produzione di vini Rosé a marchio Listel, Chateau La Gordonne, ed anche in Portogallo, nella zona del Douro Superiore, con i marchi Rozès e Terras do Grifo.

Per l'estensione dei vigneti di proprietà nelle aree sopra citate, viene definito il più grande "Vigneto d'Europa".

In Italia, tutti i marchi del Gruppo sono distribuiti dalla Filiale Italiana di Vranken Pommery Monopole, guidata dal CEO Mimma Posca.

Luca Marchini - La vocazione per la cucina

Aretino di origine, Luca Marchini vive a Modena da quando aveva diciassette, città di cui ha assorbito la forte identità culturale e gastronomica. Un'identità che ancora oggi lo ispira divenendo continuo stimolo nella creazione di narrazioni gustative diverse, che reinterpretano gli ingredienti in una chiave personale.marchini-640x470

L'Erba del Re nasce nel 2003. Non soltanto un ristorante, piuttosto il laboratorio dove poter sperimentare i molteplici "concetti del cibo" ed esprimere quella che rappresenta l'essenza della sua arte culinaria: equilibrio, delicatezza, rispetto e valorizzazione della materia prima. Numerosi i riconoscimenti da La Guida dell'Espresso e Gambero Rosso.

Nel 2008 ottiene la stella Michelin. Nel 2004 apre la Divisione Catering de L'Erba del Re. Inoltre gestisce la Scuola di Cucina Amaltea, pensata per amatori e progetti di team building aziendali, e ha dedicato una nuova attività ristorativa alla tradizione locale modenese aprendo la Trattoria Pomposa – Al Re gras. Dal marzo 2016 è executive chef del "Pavarotti Restaurant Museum" situato nella famosa galleria Vittorio Emanuele, proprio in piazza Duomo.

È Presidente dei JRE Jeunes Restaurateur – Italia e membro dell'Associazione nazionale Le Soste.

L'Erba del Re

Valuta questo articolo
(0 Voti)