MetropolNews

07:5628102021

Ultimo Aggiornamento01:04:45 PM GMT

Back Attualità Attualità Bottom Up Festival Architettura Torino

Bottom Up Festival Architettura Torino

08 Una pietra tira laltraUn esperimento di trasformazione della città al servizio delle comunità urbane

A partire da Torino, il festival di architettura dal basso Bottom Up

! vuole trasformare altre città d'Italia

Torino 5 febbraio 2021. La raccolta fondi, lanciata a settembre 2020 dal festival di architettura Bottom Up!, ha raggiunto il 100% degli obiettivi prefissati dagli 11 progetti di rigenerazione urbana dal basso. Sono stati raccolti in tutto oltre 142 mila euro di donazioni, provenienti da oltre 900 cittadini attraverso il crowdfunding, a cui si sono aggiunte donazioni speciali di partner come Iren e istituzioni. Il successo dell'esperimento permetterà alle associazioni, ai progettisti e agli architetti partecipanti alla prima edizione di Bottom Up! di cambiare il volto di diversi luoghi, comunità e spazi, distribuiti in tutta la città di Torino. 05 Wall coming

"I processi di trasformazione proposti nell'ambito dell'iniziativa rappresentano il concretarsi degli obiettivi che ci siamo posti nell'ambito del Piano d'azione Torino 2030, tesi a realizzare una città dinamica e vivibile - dichiara l'Assessore all'Urbanistica della Città di Torino, Antonino Iaria - La Citta condivide ed appoggia questo progetto come processo virtuoso di trasformazione e recupero di alcune aree urbane sottoutilizzate, in particolar modo quelle più periferiche, attraverso la sperimentazione e l'innovazione, promuovendo una qualità della vita e dell'ambiente diffusi sul territorio. L'Amministrazione intende quindi porre le basi per un impegno a lungo termine nel sostenere questa modello di progettazione dal basso e di partecipazione pubblica alla sua attuazione, dandone visibilità e impegnandosi a favorire il reperimento delle risorse necessarie alla realizzazione dei progetti proposti. Riteniamo l'idea vincente come modello di partecipazione sociale, essendo di fatto rivolto a progetti di riqualificazione che favoriranno l'inclusione sociale, l'accessibilità e la sicurezza dello spazio pubblico in particolar modo in quegli ambiti di città più sensibili."

Patrocinando il festival, la Città di Torino dimostra la validità di Bottom Up! come un modello per tracciare dal basso nuove idee di rafforzamento della coesione sociale e rigenerazione della città. Attraverso il festival, la Fondazione per l'architettura / Torino ha dato vita a nuove connessioni con la Fondazione Compagnia di San Paolo, la Camera di Commercio, Il Consiglio Nazionale degli Architetti e la Consulta per la Valorizzazione dei Beni Artistici e Culturali di Torino, oltre ai partner e ai cittadini che hanno sostenuto i progetti immaginati dal festival. Il modello vincente made in Torino, alla sua prima edizione, può diventare un format di innovazione urbana dal basso, potenzialmente esportabile e replicabile in altre città d'Italia. Le idee generate per la città del futuro rappresentano l'esperimento urbano di Bottom Up!, che ha coinvolto direttamente la comunità degli abitanti per diffondere la conoscenza dell'architettura contemporanea e favorire pratiche di trasformazione urbana. Al centro della riflessione, in particolare, le ricadute sull'organizzazione dei contesti urbani anche in relazione alla crisi climatica, sulla progettazione degli spazi abitativi e sulla vita delle comunità, puntando sull'integrazione e l'inclusione.

"Bottom Up! è un esperimento che fa dell'architettura un motore di trasformazione della coesione sociale e delle comunità urbane. In oltre un anno, abbiamo lavorato creando un'ampia rete di soggetti, professionisti e istituzioni che hanno creduto e sostenuto questa filosofia. Ci auguriamo che la rete nazionale degli architetti ci aiuti a trasformarlo in modello esportandolo in tante altre città d'Italia" dichiara Alessandra Siviero, presidente della Fondazione per l'architettura / Torino.

"Con Bottom Up!, ricordando come Italo Calvino sia stato un grande osservatore e definitore dell'anima delle città, abbiamo investito in un processo virtuoso di ascolto e trasformazione dei bisogni dei luoghi e di chi li abita, in processi nei quali l'architettura innesca un cambiamento. È stato un esperimento, che porterà quest'anno alla genesi di nuovi spazi con funzioni diverse che tutti insieme svolgono una funzione di rigenerazione della città." dichiara Massimo Giuntoli, presidente dell'Ordine Architetti Torino

"Esattamente un anno fa comunicavamo i progetti selezionati di Bottom Up. Erano allora solo dei desideri, oggi sono realtà. Il festival, nato come processo sperimentale di trasformazione urbana, ha avuto la forza di generare concretamente azioni di trasformazione urbana e sociale. Questo grazie alla positiva risposta di cittadini ed istituzioni. Oggi presentiamo l'intero percorso del festival, vengono illustrati i numeri, i progetti e fatta un'analisi dettagliata dei risultati conseguiti. Con l'auspicio che possa divenire uno degli strumenti di trasformazione delle città". approfondisce Eleonora Gerbotto, direttore della Fondazione per l'architettura / Torino

I progetti di Bottom Up!, in fase di realizzazione, sono Miraorti, gli orti urbani diffusi che si estendono su una superficie di 6 ettari a Mirafiori Sud; in Barriera di Milano al Forno Sociale S.P.I.G.A. dove la panificazione diventa essenziale per la costruzione di comunità e Risorgimento Social Club che vedrà l'ampliamento e la rigenerazione degli spazi del Circolo Risorgimento, storica bocciofila ANPI. In Via Cavagnolo, sede del Piccolo Cinema curato dai fratelli e registi De Serio, prenderà avvio Una pietra tira l'alta, il progetto partecipato di incremento della vitalità culturale e aggregativa del quartiere, come ad Aurora dove il progetto Cortile Mondo introdurrà pratiche di di didattica innovativa alla Scuola Chagall, frequentata dal 90% di alunni provenienti da diverse parti del mondo. Lo Spazio di Mezzo in Via Medici (tra Cit Turin e Campidoglio) rappresenta invece un nuovo luogo di scambio culturale tra la comunità cinese e la città. In Centro, in Via Giolitti Cort.lì realizzerà un hub a forte valenza comunitaria in cui le persone diventeranno parte attiva delle proposte educative e ludico-ricreative. Per i 10 anni della casa del quartiere di San Salvario con Stiamo Freschi 10x10 l'intervento ridisegnerà alcuni spazi comuni rendendoli più green e accessibili; Ruota di Scarto è un food truck itinerante tra Porta Palazzo e gli altri mercati torinesi per la raccolta, la trasformazione e la distribuzione delle eccedenze alimentari. Wall Coming! è il progetto che consentirà di realizzare un teatro all'interno del carcere minorile del Ferrante Aporti, gestito dai ragazzi detenuti; l'arte è un mezzo di riabilitazione anche nel progetto Hear Me, che sorgerà in Borgo San Paolo al Giardino Piredda, una serie di installazioni sonore, un mezzo di ascolto rivolto in particolare agli utenti dei centri di salute mentale che affacciano sul giardino. Il meccanismo del nuovo festival, si è mosso nella direzione di una collaborazione pubblico e privato, dal basso verso l'alto, nella convinzione che questo modello, come dimostrano esperienze a Londra, Lione, Liverpool, Manchester, Rotterdam e in tante città d'Europa, è l'unico in grado di pensare e ridisegnare le città del futuro.

www.bottomuptorino.it  | #bottomuptorino

Facebook @bottomuptorino | Instagram @bottomuptorino 

Ultima modifica 05 Febbraio 2021
Valuta questo articolo
(1 Vota)