MetropolNews

18:2513062021

Ultimo Aggiornamento01:04:45 PM GMT

Back Attualità Sport Il Castello di Govone si illumina di rosa per il Giro d'Italia

Il Castello di Govone si illumina di rosa per il Giro d'Italia

PHOTO-2021-05-04-14-3Il Castello di Govone si illumina di rosa per il Giro d'Italia

A 10 anni di distanza dall'ultima volta,

e nel 160° Anniversario dell'Unità d'Italia, Torino e la Regione Piemonte ospiteranno la Grande Partenza del Giro d'Italia. La prima frazione sarà una cronometro individuale di 9 chilometri per le vie di Torino; la seconda una tappa adatta ai velocisti da Stupinigi (Nichelino) a Novara (173 chilometri) mentre la terza partirà da Biella per terminare a Canale dopo 187 km (tappa mossa adatta ai finisseur o ai colpi di mano).

Per l'occasione, tanti monumenti del Roero si sono illuminati di rosa, grazie all'illuminazione di Egea. Dopo il campanile di Canale, simbolo della città dove il Giro farà tappa lunedì 10 maggio, si colora di rosa anche il Castello Reale di Govone, residenza sabauda che domina l'intero paese e la valle del Tanaro dalla cima di una collina.

Il Castello di Govone e il Campanile di Canale fanno parte di una sorta di "vie en rose" di luce, che accompagnerà gli atleti lungo il loro percorso ciclistico.

"Roero e Langa di vestono di rosa: è un'occasione favolosa di sport e promozione", spiega il senatore Marco Perosino, originario proprio di Govone. "Govone con il suo castello è il simbolo della storia sabauda e popolare , è un biglietto da visita di presentazione. Credo che avremo soddisfazione e riscontro per l'impegno di tutti, e in particolare per la sensibilità dell'amministrazione comunale".

"Siamo felici di partecipare alla grande festa per il Giro d'Italia", aggiunge Luca Malvicino, Vicesindaco Govone. "Anche se la terza tappa non tocca i confini comunali, partecipiamo volentieri a questo importante momento per il Roero".

Giro d'Italia: le iniziative di Canale, città di tappa

Il Giro d'Italia farà dunque tappa a Canale lunedì 10 maggio. Con l'occasione, la città di Canale vuole approfittare per raccontarsi e far conoscere le proprie bellezze ed eccellenze, simbolo di tutto il territorio del Roero.

Vini, specialità gastronomiche e verdi colline: questi sono gli elementi che da sempre caratterizzano questi territori, rendendoli meta di turismo e di appassionati della natura e dell'enogastronomia. Proprio nell'ottica di unire questi elementi tipici della zona del Roero, l'Enoteca Regionale del Roero in occasione della tappa di Canale del Giro d'Italia lancia una serie di iniziative dedicate al grande pubblico degli appassionati.

A partire da sabato 8 maggio, all'Enoteca Regionale del Roero sarà infatti possibile gustare uno speciale aperitivo dedicato al Giro d'Italia, con prodotti tipici del territorio e con due speciali cocktail rosa, a base di frutta roerina: le more di gelso, le fragole e le pesche.

Inoltre, l'Enoteca Regionale del Roero con l'occasione vuole anche lanciare un progetto per la primavera estate 2021.foto low

Si tratta di un percorso cicloturistico attraverso le bellezze del territorio (il dettaglio è disponibile qui https://ebike.bikesquare.eu/ita/percorsi/view/tour-del-roero-tra-vigneti-castelli ), sia da un punto di vista paesaggistico che da un punto di vista naturalistico. La base di partenza sarà l'Enoteca Regionale del Roero, dove sarà possibile partire su due ruote alla scoperta di queste colline, in un itinerario studiato per ammirarle al meglio e per toccare produttori, enoteche e ristoranti d'eccellenza del territorio. Il percorso cicloturistico terminerà poi là dove è cominciato, all'Enoteca Regionale del Roero, dove i turisti potranno godere di un aperitivo con vini e prodotti tipici.

Il percorso cicloturistico sarà proposto al pubblico – su prenotazione all'Enoteca Regionale del Roero, inviando una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. – durante la primavera – estate 2021.

Canale: 5 prodotti rosa che si possono acquistare sul territorio

La pesca

Le pesche hanno certamente fatto la storia agricola di Canale: si iniziarono a coltivare da queste parti a inizio Novecento, quando la viticoltura venne messa in crisi dalla filossera e da alcune tremende grandinate. Da allora, le "pesche di Canale", con la loro buccia spessa, la polpa soda e un sapore caratteristico divennero un prodotto tipico piemontese.

Il prosciutto arrosto

Il prosicutto arrosto di Canale è frutto di una tradizione secolare iniziata dai "Filipin", salumieri del paese che trovarono un modo gustoso per conservare le cosce di maiale, arrostendole e speziandole. Si massaggiano con una miscela di erbe aromatiche, si bagnano con del vino Arneis e si avvolgono in una retina di vitello prima di essere cotte nel forno a legna. Il risultato è un prosciutto dal colore rosa intenso, morbido e saporito.

Le fragole del Roero

Un'altra importante produzione del Roero sono le fragole, la cui coltivazione nella zona è stata introdotta una quarantina di anni fa, ma si è rapidamente distinta come una vera prelibatezza del territorio.

Nebbiolo spumante Rosé

Il Nebbiolo d'Alba spumante rosé è forse la bottiglia migliore con cui si può brindare al passaggio del Giro d'Italia da Canale. Ne potete trovare una bella selezione presso l'Enoteca Regionale del Roero.

Il cocktail alle more di gelso

Ai prodotti più tradizionali si aggiunge quest'anno un'idea nuova: la creazione di un cocktail rosa, a base di more di gelso, frutto tipico della zona del Roero. Verrà realizzato in esclusiva all'Enoteca Regionale del Roero nei giorni precedenti il passaggio del Giro d'Italia.

Canale: cenni storici 

Da sempre punto di snodo tra la città di Asti, da cui venne fondata nel 1260, e le verdi colline del Roero, a cui fu donata nel 1379, Canale è il cuore pulsante di questa zona. Una città circondata dai rigogliosi vigneti di Langhe, Roero e Monferrato, ricca di storia e culla delle tradizioni locali. La prima è ben rappresentata dai suoi monumenti, come il campanile della chiesa di San Vittore, che svetta sulla città con la sua statua bronzea in cima, o come il castello Malabaila, proprietà degli antichi signori della zona. Ma sono le tradizioni a rendere Canale un luogo così speciale: la sua Festa del Pesco estiva, dedicata al prodotto che a inizio Novecento permise di rilanciare l'economia agricola della zona; il suo storico mercato ortofrutticolo, aperto tutti i giorni (tranne il sabato) da oltre un secolo, punto di celebrazione delle eccellenze del territorio e, naturalmente, la sua tradizione vitivinicola, che fonda le sue solide radici sul Roero e sull'Arneis, l'oro di queste colline.

Canale: specialità gastronomiche

Su queste colline, che siano Langhe, Roero o Monferrato, non si può parlare di gastronomia senza citare il prodotto più raro e prezioso: il tuber magnatum pico, il celeberrimo tartufo bianco, che nella vicina Alba ha il suo "quartier generale" con la Fiera internazionale in autunno.

Se il Roero è certamente noto per i suoi vini, nondimeno questi terreni di origine calcarea hanno saputo nei secoli dare origine ad altre produzioni eccellenti, che ancora oggi vengono portate avanti con successo. A fare la storia agricola di Canale, ad esempio, furono certamente le pesche: si iniziarono a coltivare da queste parti a inizio Novecento, quando la viticoltura venne messa in crisi dalla filossera e da alcune tremende grandinate. Da allora, le "pesche di Canale", con la loro buccia spessa, la polpa soda e un sapore caratteristico divennero un prodotto tipico piemontese.

La pesca non è l'unico esempio dell'importanza della frutticoltura per queste zone. Un altro frutto legato Canale è la settembrina castagna della Madonna, detta per l'appunto anche Canalina: particolarmente apprezzata per la sua precoce maturazione, è fra gli esemplari di castagna più antichi d'Europa.

Altro prodotto tipico di Canale è il prosciutto arrosto, frutto di una tradizione secolare iniziata dai "Filipin", salumieri del paese che trovarono un modo gustoso per conservare le cosce di maiale, arrostendole e speziandole. Si massaggiano con una miscela di erbe aromatiche, si bagnano con del vino Arneis e si avvolgono in una retina di vitello prima di essere cotte nel forno a legna. Il risultato è un prosciutto dal colore rosa intenso, morbido e saporito.

Arrivando a tradizioni più recenti, un dolce tipico di Canale è La Douchesse. Si tratta di un pasticcino al cioccolato con nocciole, mandorle e liquore, la cui ricetta segreta è custodita da inizio Novecento dalla pasticceria Sacchero (via Roma 39), dove venne inventato e dove ancora viene prodotto in maniera artigianale. Oggi queste tradizioni vengono portate in tavola ogni giorno dai tanti ristoranti e trattorie della città, e dallo chef Davide Palluda, che proprio nel cuore di Canale ha il suo ristorante una stella Michelin, punto di riferimento della tradizione culinaria roerina.

Canale: i suoi vini

"È luogo molto fertile e principale prodotto del paese sono gli ottimi vini che vi si fabbricano", dice del Roero un antico testo, a testimonianza della lunga storia vitivinicola di queste terre. Una tradizione antichissima, che negli ultimi decenni ha assunto una centralità importante nell'economia del territorio.

Con oltre 370 ettari destinati alla coltivazione della vite (in prevalenza vitigno Arneis), che ne fanno il comune più vitato della zona, Canale può essere considerata la capitale vinicola del Roero. Di questi 370 ettari, 240 sono quelli iscritti alla denominazione, (175,62 ad arneis e 63,10 a nebbiolo, i due vitigni autoctoni), e costituiscono più del 23% di tutta la DOCG.

I vigneti in cui nascono i vini della denominazione Roero devono rispondere, da disciplinare, a una serie di requisiti, tali da conferire alle uve e ai vini derivati alcune specifiche caratteristiche di qualità: devono trovarsi su terreni collinari, con suoli di tipo argilloso, calcareo e sabbioso, che danno un'impronta caratteristica alle uve.

A rappresentare meglio la produzione sono il Roero, vino rosso ottenuto da uve nebbiolo per un minimo del 95%, e il Roero Arneis, vino bianco ottenuto da uve Arneis, per un minimo del 95%.

In entrambi i casi, va sottolineato quanto i produttori vitivinicoli lavorino per preservare il prodotto, realizzando nella quasi totalità dei casi un Roero Docg da nebbiolo in purezza e un Roero Arneis Docg da Arneis in purezza.

Il Roero Arneis, inoltre, viene anche spumantizzato e il Roero può essere affinato per almeno 32 mesi per ottenere il Roero Riserva DOCG.

Enoteca Regionale del Roero: chi siamo

Punto di riferimento storico per la promozione del prodotto enoico del territorio di Langa e Roero, l'Enoteca Regionale del Roero è un luogo che si pone l'obiettivo di raccontare le eccellenze enogastronomiche del territorio piemontese.

Radicalmente ristrutturata nel 2017, l'Enoteca Regionale del Roero è stata pensata come una realtà dinamica, capace e competitivamente forte per sviluppare ulteriormente le attività promozionali della produzione vitivinicola locale.

L'attività di promozione e valorizzazione del Roero e del territorio di cui è espressione, impregno principale dell'Enoteca, avviene attraverso l'organizzazione di manifestazioni e di attività di degustazione presso la propria sede, al fine di meglio sfruttare gli spazi e di offrire anche una esperienza sensoriale, data dall'ottima presentazione dei principali prodotti locali.

Ad oggi l'enoteca raggruppa i principali produttori vitivinicoli del Roero, tutti caratterizzati da ottima performance di crescita e da una sempre più crescente notorietà dei prodotti a livello internazionale. All'interno dell'Enoteca Regionale del Roero, dunque, i visitatori troveranno in degustazione e in vendita le principali denominazioni del territorio: Roero e Roero Arneis DOCG, Langhe Favorita, Barbera d'Alba, Nebbiolo d'Alba, Langhe Nebbiolo, Birbèt. Non solo vino, ma anche prodotti gastronomici d'eccellenza, prelibatezze tipiche della regione Piemonte, distillati e squisitezze artigianali, provenienti da piccoli e grandi produttori della zona di cui si punta a valorizzare il lavoro.

La "Biblioteca dei Sapori": un Progetto di Sviluppo Regionale per promuovere il territorio

L'Enoteca Regionale del Roero si fa capofila di un Progetto di Sviluppo Regionale (PSR), improntato sulla promozione delle eccellenze enogastronomiche del territorio.

Nasce così la Biblioteca dei Sapori: un progetto che trasforma l'Enoteca, rendendola non solo uno spazio di vendita e degustazione, ma soprattutto di narrazione dei prodotti, delle realtà agricole che ci sono dietro, del lavoro virtuoso di chi preserva le antiche tradizioni proiettandole nel mercato del futuro.

Un progetto, dunque, che punta a promuovere in modo coordinato e integrato le molte piccole aziende del territorio che non avrebbero, da sole, la forza sufficiente per emergere. A questa necessità la Biblioteca dei Sapori del Roero risponde attraverso la costituzione di una filiera corta rappresentativa dei prodotti più tradizionali e tipici del territorio e attraverso le messa in rete di prodotti e micro produttori, migliorando il grado di cooperazione del tessuto imprenditoriale del comparto agroalimentare.

L'obiettivo è quello di costruire una promozione integrata ed efficiente dei prodotti coinvolti e, indirettamente del territorio nel suo complesso.

Proprio per dare voce a un intero territorio, l'Enoteca Regionale del Roero si fa forte all'interno di questo operanti sul territorio di Langa e Roero: l'Enoteca Regionale del Barbaresco, l'Enoteca Regionale del Barolo e l'Enoteca Regionale Piemontese Cavour. Realtà che, così come l'Enoteca Regionale del Roero, vanno oltre il concetto di semplice esercizio commerciale, poiché hanno in seno al loro Statuto e alla loro storia l'obiettivo istituzionale di far conoscere, diffondere, valorizzare e vendere le produzioni agricole del territorio, e in particolar modo l'importante patrimonio enoico.

Enoteca Regionale del Roero: Canale(CN) - via Roma 57. L'edificio ospita al pian terreno il punto vendita con l'esposizione dei vini, l'ufficio turistico "Roero Turismo" e l'Osteria dell'Enoteca. Al primo piano si trova, inoltre, una grande eccellenza gastronomica della zona, il Ristorante All'Enoteca, una stella Michelin, guidato dallo chef Davide Palluda.

Ultima modifica 08 Maggio 2021
Valuta questo articolo
(1 Vota)