"Noi non siamo come James Bond": al TFF

Post by: 25 Novembre 2012

NNSCJB 2-55714815Era il 1985 quando Guido e Mario, amici del cuore, decisero di fare il loro primo viaggio assieme. A distanza di trent’anni le memorie dell’epoca si sovrappongono alla vita di oggi, segnata per entrambi dalla lunga battaglia contro un tumore. Decidono così di affrontare una nuova avventura e partire per un viaggio intimo e strampalato, denso didomande e di riflessioni sulla loro amicizia, sul senso dell’esistenza, sulla malattia. Dai finestrini dei mezzi con cui i due si lanciano in questo dolce ‘road movie’, scorrono immagini di un’Italia cambiata: l’imprevedibile spiaggia dell’infanzia, a Sabaudia; la Perugia di un concerto improvvisato in strada durante Umbria Jazz; il “Bosco degli Spiriti Introspettivi” a Borgotaro. Poi Milano e Roma, le città attuali dell’uno e dell’altro. Vestiti in smoking, a bordo di una Mini d’epoca in affitto e poi in

viaggio sugli Intercity italiani, pianificano anche un improbabile incontro con l’agente 007, James Bond, il loro eroe di un tempo: invincibile, imbattibile, immortale. Parliamo del loro unico Bond, parliamo di Sean Connery. A lui i due amici vorrebbero porre una domanda sola, una domanda da ragazzi cresciuti: come si fa a diventare immortali? Dopo aver ricevuto qualche dritta dalla prima Bond Girl italiana, la fascinosa emisteriosa Daniela Bianchi, Guido e Mario prendono il telefono e cercano Sean per fissare un appuntamento chiarificatore e illuminante.  Ma proprio all’alba di un giorno d’estate, sulla riva di un mare extraterrestre, a bordo di una mini tenda canadese del 1985, dall’altro capo del filo arriva la risposta di Sir Connery: mi spiace, non posso, sto facendo controlli medici...

"Como estrellas fugaces ": sugli schermi italiani

Commedia corale e “terapeutica” che si svolge sullo sfondo di una provincia spagnola dai colori forti e solari, dove la gente è cordiale e vivace, l’erotismo particolarmente palpabile, la

cucina ottima e abbondante. È qui che Edoardo (Miki Manojlovic), compositore italiano in crisi affettiva e creativa, si prende un periodo sabbatico e incontra uno sgangherato coro

polifonico, del quale fanno parte quattro donne che cambieranno la sua e la loro vita. Anche la figlia di Edoardo, Alice, arriva a movimentare la situazione… E in questa terra caliente, esistenze apparentemente lontanissime si uniranno attraverso la passione per la musica…

Ultima modifica 25 Novembre 2012
Valuta questo articolo
(0 Voti)

Da Redazione

Vai Su