MetropolNews

20:1718072019

Ultimo Aggiornamento01:04:45 PM GMT

Back Cinema Recensioni "Il mistero di Dante" di Louis Nero

"Il mistero di Dante" di Louis Nero

220px-Dante Luca"O voi ch'avete li 'ntelletti sani, mirate la dottrina che s'asconde sotto 'l velame de li versi strani!"  (Inferno IX, 61-63)

A febbraio 2013 iniziano le riprese del nuovo attesissimo thriller del regista Louis Nero, una co-produzione internazionale con capofila la società indipendente torinese L’Altrofilm. Un viaggio sulle orme del sommo poeta il cui canto, ispirando ed elevando le menti, ha attraversato i secoli fino ai giorni nostri. Il Premio Oscar F. Murray Abraham, che interpreta il ruolo di protagonista, una sorta di Alter Ego di Dante, sarà sul set torinese il 4 e il 5 febbraio 2013.

Ne “Il mistero di Dante” vedremo gli scorci più suggestivi di Torino. Città esoterica per eccellenza, è il luogo ideale per mettere in scena i tre mondi danteschi. Il film riprende il percorso della Divina Commedia, in cui l’ascesa al Paradiso è necessariamente preceduta da una peregrinazione negli Inferi, eccezionalmente rappresentati dalla Torino sotterranea. La

location principale sarà il Ristorante "I Cavalieri", trasformato in un ashram di inizio secolo, ospiterà le scene interpretate dal protagonista F. Murray Abraham.   Dall’Ottocento, importanti studiosi hanno cercato di svelare il segreto che si nasconde dietro le terzine dantesche. Attraverso l’esame delle manifestazioni della tradizione iniziatica occidentale, il film porterà nuova luce su un lato poco conosciuto di Dante. Un appassionante viaggio dagli ordini di cavalleria, ai Rosacroce, fino al gruppo iniziatico del 1300 "I Fedeli D'Amore".

Preziose guide virgiliane saranno eminenti studiosi, che accenderanno qualche luce nell'intricato groviglio di interpretazioni simboliche, succedute nel tempo. L'obiettivo di tutti, anche se in apparenza divergente, sarà quello di suggerire nuovi percorsi verso strade più illuminate. Un viaggio dalla circonferenza verso il centro. Dall’esteriore all’interiore. Un misterioso linguaggio, antico come il mondo. Una reminiscenza del meraviglioso mondo dantesco: da un'analisi esteriore all'evocazione di una possibile verità celata "sotto 'l velame de li versi strani".

Dante continua a far riflettere e a sorprendere.   Un dubbio nasce spontaneo: Esiste ancora, anche sotto diverso nome, quel gruppo iniziatico del 1300 che andava sotto il nome de

"I Fedeli D'Amore"? Siamo stati contattati da alcuni di loro. Ecco il racconto di questa ricerca.   Eccezionale il cast che si alternerà sul set: Il Premio Oscar F Murray Abraham (Amadeus, Scarface, Il Nome della Rosa, The Good Wife), l’attore Franco Nero, lo scrittore Valerio Massimo Manfredi, il regista Nominato agli Oscar Franco Zeffirelli, il regista Silvano Agosti, lo sceneggiatore americano Christopher Vogler (Il Re Leone, Fight Club, Matrix), lo scrittore Gabriele La Porta, il giornalista e conduttore di Voyager Roberto Giacobbo, il Rabbino Capo Riccardo Di Segni, lo Shayk Abd al Wahid Pallavicini, Mons. Agostino Marchetto, lo scrittore Massimo Introvigne, l’attore Mamodou Dioume (Mahabharata di Peter Brook), gli scrittori Giancarlo Guerreri, Marcello Vicchio, Aurora Di Stefano e molti altri. Ancora nel cast figurano gli attori piemontesi Diana Dell’Erba e Franco Beltrame.

La ricostruzione del set da parte dello scenografo Vincenzo Fiorito ha visto molte difficoltà nel reperire gli arredi del periodo, fondamentale è stata la partecipazione di alcune note aziende torinesi. I locali del Ristorante “I Cavalieri” si sono rivelati particolarmente adatti ad ospitare l’allestimento. Per l’occasione il cuoco trasformerà, per troupe ed attori, la cucina internazionale del ristorante, declinandola in tema medievale. Si ringraziano, per il contributo, la FilmCommission Torino Piemonte e, per il Patrocinio, la Città di Torino.

Valuta questo articolo
(1 Vota)