MetropolNews

15:5718072019

Ultimo Aggiornamento01:04:45 PM GMT

Back Cultura Mostre "Crossroads" incroci Italia-USA negli anni ' 50 e '60

"Crossroads" incroci Italia-USA negli anni ' 50 e '60

72660-1Un nuovo allestimento al Museo Nazionale dell'Automobile la mostra Crossroads, dal 29 marzo al 25 giugno 2017 curata da Luca Beatrice e Rodolfo Gaffino Rossi con il patrocinio del Consolato Generale degli Stati Uniti d'America a Milano.

La rivoluzione dei poeti della Beat Generation e il fascino dei divi di Hollywood, il realismo all'italiana e i colossali set di Cinecittà, l'esplosione di colori della Pop Art e il rito del Carosello. Tra Cadillac e Lancia d'epoca, fotografie e spezzoni di film, opere d'arte e manifesti pubblicitari, la mostra racconta il contesto socio-culturale italiano a confronto con quello americano, tra la fine della Seconda Guerra Mondiale e gli Anni Sessanta, approfondendo le reciproche contaminazioni artistiche e nel campo del Car Design.130

La prima parte del percorso espositivo è pensata come un viaggio dentro suggestioni visive, musicali e cinematografiche con riferimento ad autori ed artisti che hanno raccontato l'immaginario dell'epoca più rivoluzionaria della storia del Novecento, da Andy Warhol a Roy Lichtenstein, da Mimmo Rotella a Mario Schifano, Bert Stern e Tazio Secchiaroli . La mostra è suddivisa in tre macro aree tematiche: On the Roadsvs La Strada, Cinecittà e Hollywood, Dive e Latin Lover, che spaziano dal cinema alla letteratura, dalla pittura alla fotografia.

Il percorso espositivo prosegue nello spazio dedicato alle vetture, tra Buick e Plymouth, Fiat e Alfa Romeo d'epoca, un confronto tra car designer italiani e americani la creatività degli italiani e lo stile americano proteso a esagerare i volumi e a estremizzare le forme.

In mostra tredici vetture protagoniste dell'immaginario cinematografico dell'epoca , le grandi vetture americane dai colori stravaganti e ultra pop con code e pinne in evidenza, espressione dell'american life style, dall'altra , le auto italiane, piccole, sportive, eleganti raccontano come l'arte carrozziera di casa abbia conosciuto negli anni del secondo dopoguerra e del boom economico uno dei periodi più fertili, una vera e propria scuola stilistica.

Arte , design, letteratura ,musica , cinema, innovazione e cambiamento, 1965 Lincoln Continental 4linguaggi, materiali, colori, un intreccio di sperimentazioni estetiche senza precedenti . Dal dopoguerra al boom economico, da allora il Made in Italy si è trasformato in un marchio di garanzia e sinonimo di eccellenza

Per maggiori informazioni:

www.museoauto.it 

Ultima modifica 29 Marzo 2017
Valuta questo articolo
(0 Voti)