MetropolNews

20:5017102019

Ultimo Aggiornamento01:04:45 PM GMT

Back Cultura Mostre Campari Group e Artissima presentano Campari Art Prize - III edizione

Campari Group e Artissima presentano Campari Art Prize - III edizione

68a7ba7e-5883-45Campari Art Prize  III edizione

Artissima | Oval, Lingotto Fiere, Torino  -  Apertura al pubblico da venerdì 1 a domenica 3 novembre 2019

Anteprima stampa: giovedì 31 ottobre 2019

Per il terzo anno consecutivo Campari Group è partner di Artissima, la Fiera Internazionale di Arte Contemporanea di Torino, promuovendo il premio Campari Art Prize, dedicato a un artista under 35 scelto tra quelli presenti nelle otto sezioni della fiera. Artissima, diretta da Ilaria Bonacossa e giunta quest'anno alla sua 26° edizione,si terrà da giovedì 31 ottobre (preview) a domenica 3 novembre 2019 all'Oval di Torino.

Il Campari Art Prize 2019 sarà assegnato da una giuria internazionale composta da Philippe Van Cauteren, direttore SMAK Museum of Contemporary Art Gent, Manuela Moscoso, curatrice Liverpool Biennal 2020 e Sam Thorne, direttore Nottingham Contemporary, che valuterà l'importanza della ricerca artistica, il potere evocativo e la dimensione narrativa dell'opera. Il vincitore riceverà un premio in denaro e sarà protagonista di una mostra personale allestita negli spazi del museo aziendale Galleria Campari, presso gli HQs di Campari a Sesto S. Giovanni, che ogni anno accoglie circa 15.000 visitatori.

24ab0edb-39a2-4bVincitore dell'edizione 2018 è Rodrigo Hernández, presentato dalla galleria Madragoa di Lisbona. La giuria internazionale composta da Lorenzo Fusi, curatore indipendente e direttore PIAC, Fondation Prince Pierre di Monaco, Abaseh Mirvali, direttrice e capo curatrice del Contemporary Art Museum Santa Barbara e Claire Tancons, co-curatrice della Sharjah Biennal 14 lo ha premiato con la seguente motivazione: "L'artista rivisita una storia e un'estetica che trae spunto dall'iconografia Meso-americana così come dal modernismo europeo e dalle avanguardie italiane, e li reinterpreta nuovamente puntando sugli elementi e le componenti più essenziali di questi linguaggi e tradizioni. In tal modo, crea un vocabolario nuovo e unico, ma allo stesso tempo ricorda le molte storie e i riferimenti da cui ha attinto. La giuria ha apprezzato anche i riferimenti all'artigianato e alla materialità nell'opera di Hernández".

All'artista è dedicata la personale dal titolo Pedrigree, a cura di Ilaria Bonacossa, ospitata dal 10 ottobre 2019 al 14 febbraio 2020 negli spazi di Galleria Campari.

"Il Campari Art Prize si configura come l'attualizzazione dello storico connubio tra il brand e i linguaggi artistici contemporanei, tra lo spirito imprenditoriale d'avanguardia e le ricerca artistica più sperimentale", spiega Paolo Cavallo, direttore di Galleria Campari. "Dopo la precedente esperienza con Sári Ember, artista vincitrice della prima edizione del Campari Art Prize, siamo molto felici di intraprendere un nuovo percorso di scrittura di una mostra inedita per gli spazi di Galleria Campari. In questa occasione, il confronto con Rodrigo Hernández è ancora più suggestivo e in linea con l'identità di Galleria Campari, con cui condivide le radici estetiche, pensiamo al modernismo e all'avanguardia italiana, filtrati da Hernández con la sua peculiare iconografia Meso-americana".

Dice Ilaria Bonacossa, direttrice di Artissima: "Sono felice della collaborazione tra Artissima e Campari Group che per il secondo anno sostiene un progetto ad hoc di un artista under 35 nato dal dialogo con gli incredibili spazi della Galleria Campari. La visione di Campari e la sua storica passione per l'arte spingono gli artisti a mettersi in gioco e raccontare tramite le loro opere storie inaspettate. Rodrigo Hernández si è appassionato alla storia della famiglia Campari e alla sua visione imprenditoriale e creativa".

Il premio Campari Art Prize riconferma il profondo legame del Gruppo Campari con l'arte e sottolinea la vocazione che il marchio condivide con Artissima per la scoperta e la valorizzazione dei talenti artistici, ai quali da sempre ha affidato la qualità e le virtù dei propri prodotti, facendo dell'arte il veicolo narrativo e comunicativo privilegiato.

Galleria Campari

La Galleria Campari, nata nel 2010 in occasione dei 150 anni di vita dell'azienda, è un museo aziendale di nuovissima concezione: uno spazio dinamico, interattivo e multimediale, interamente dedicato al rapporto tra il marchio Campari e la sua comunicazione attraverso l'arte e il design. Il progetto nasce nell'ambito della riscrittura architettonica e funzionale dello storico stabilimento di Sesto San Giovanni, fondato da Davide Campari nel 1904. Tra il 2007 e il 2009 il complesso è stato interamente trasformato, con un progetto dell'architetto Mario Botta, per la realizzazione dei nuovi Headquarters del Gruppo Campari e del museo aziendale.

La Galleria Campari deve la propria forza all'unicità e alla ricchezza dell'Archivio storico, vero e proprio giacimento culturale trasversale, che raccoglie oltre 3.000 opere su carta, soprattutto affiche originali della Belle Époque, ma anche manifesti e grafiche pubblicitarie dagli anni '30 agli anni '90, firmate da importanti artisti come Marcello Dudovich, Leonetto Cappiello, Fortunato Depero, Franz Marangolo, Guido Crepax e UgoNespolo; caroselli e spot di notiregisti come Federico Fellini e Singh Tarsem; oggetti firmati da affermati designer come Matteo Thun, Dodo Arslan, Markus Benesch e Matteo Ragni.

Quella di Campari è una storia fatta di brillanti intuizioni, di campagne pubblicitarie raffinate, di una strategia comunicativa all'avanguardia che ha vestito il prodotto di arte e design e ha saputo associarlo alla cultura e alla creatività italiane: la visita alla Galleria Campari è una totale immersione sensoriale nei principi di vitalità e proiezione verso il futuro che da sempre hanno caratterizzato il marchio. Le opere sono esposte sia in originale sia in versione multimediale, rielaborate da giovani Interaction Designer (Cogitanz) utilizzando modalità digitali quali un video-wall con 15 schermi dedicati ai caroselli dagli anni '50 agli anni '70, 8 proiettori in alta definizione che proiettano su una parete di 32 metri manifesti d'epoca animati, video dedicati ad artisti, immagini tratte dai calendari Campari e spot pubblicitari dagli anni '80 a oggi. Infine, un tavolo interattivo con 12 schermi touch screen consente di fruire gran parte del vasto patrimonio artistico dell'azienda.

La Galleria offre servizi di prestito a musei ed esposizioni; di consulenza storico-critica a sostegno dei progetti curatoriali che includano materiale della collezione Campari; di visite guidate per privati, studenti ed esperti del settore.

La Galleria Campari è uno spazio suggestivo ma anche un centro di ricerca e produzione culturale, che riassume in sé molto di ciò che ha fatto grande Milano e il nostro Paese: l'arte, il design e la capacità di fare impresa, dove l'innovazione poggia sulle solide basi offerte dalla tradizione.

INFORMAZIONI

Visite guidate gratuite su prenotazione

Dal martedì al venerdì: ore 10.00, 11.30, 14.00, 15.30 e 17.00.

Ogni secondo sabato del mese: ore 10.00, 11.30, 14.00, 15.30 e 17.00.

Aperture serali, ore 20.00: 15 ottobre; 12 novembre; 3 dicembre 2019.

Opzione 1) Visita gratuita, su prenotazione.

Opzione 2) Art&Mixology: visita guidata condotta da uno storico dell'arte e da un bartender + cocktail experience.

Su prenotazione fino a esaurimento posti, 25€ a persona. Per un pubblico maggiorenne.

Ultima modifica 29 Settembre 2019
Valuta questo articolo
(1 Vota)