PAM Paolo Mazzuchelli "Tra le ciglia" in mostra al MASI, Museo d’arte della Svizzera italiana, Lugano

Post by: 26 Agosto 2020

12PAM Paolo Mazzuchelli

"Tra le ciglia" in mostra al MASI, Museo d'arte della Svizzera italiana, Lugano

A cura di Cristina Sonderegger

Lugano, 06 agosto 2020

Dal 6 settembre 2020 al 28 marzo 2021 il Museo d'arte della Svizzera italiana rende omaggio all'artista ticinese PAM Paolo Mazzuchelli con la mostra Tra le ciglia. Realizzata in stretta collaborazione con l'artista, l'esposizione ripercorre le varie fasi della sua creazione artistica, attraverso un centinaio di opere, tra cui il monumentale ciclo Lettere dall'Europa con cui Mazzuchelli si è aggiudicato la Borsa federale delle belle arti.

Nato negli anni Cinquanta, Mazzuchelli è tra gli artisti ticinesi più rappresentativi della sua generazione.

Osservatore attento del panorama contemporaneo, matura il suo percorso artistico in Ticino, dove sceglie di vivere e lavorare mantenendo rapporti vivaci di scambio artistico con altre realtà, in modo particolare con la Svizzera d'Oltralpe e l'Italia. Pittore segnico e di materia spessa ai suoi esordi, è un artista di ascendenza surrealista, espressionista e informale, il cui lavoro deve molto alla Beat generation, all'arte psichedelica e alla letteratura underground. 13

La mostra Tra le ciglia ripercorre le varie fasi della carriera dell'artista presentando un corpus di circa cento opere, prevalentemente di grande formato, realizzate a partire dagli anni Settanta fino ai giorni nostri. L'allestimento non segue un ordine cronologico e si sviluppa in nuclei di lavori accomunati da tematiche e soggetti ricorrenti. Tra questi, emergono elementi legati al mondo vegetale, i paesaggi visionari e apocalittici e la figura umana. La mostra evidenzia, inoltre, le varie tecniche utilizzate dall'artista e in particolare le tecniche miste su tela e carta, il carbone e la china su carta, nonché le diverse tecniche di incisione.

Il percorso espositivo si apre con un'opera riconducibile agli esordi, Quello che rimane dell'infanzia (1976- 1977), dove l'artista, mediante un taglio prospettico audace e una pennellata vibrante, raffigura alcuni giocattoli abbandonati sopra un armadio. La mostra prosegue con una serie di lavori cruciali nel percorso artistico di Mazzuchelli: Rinoceronte (1990 ca.) e Lophophora Williamsi (1990-1991), entrambi realizzati a partire da un'impronta del corpo sulla carta con successivo intervento da parte dell'artista. Le due opere testimoniano sia la dimensione performativa del lavoro dei primi anni Novanta che l'inserimento della scrittura all'interno dell'immagine, due aspetti che diventeranno una costante nelle scelte espressive successive dell'artista. Carta geografica (1991) è invece realizzata a china con innumerevoli gradazioni di nero – colore che dominerà la ricerca dell'artista per oltre un decennio – e compone una oscura mappa.

Completano la prima sala una serie di opere astratte della metà degli anni Ottanta, Perché non da Z (1996- 1997), opera articolata da una sequenza di riquadri che ricordano la struttura del fumetto tradizionale, e soprattutto Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo? (2002), omaggio a Goya e Gauguin, una delle stampe policrome monumentali, tecnica attraverso cui Mazzuchelli si riappropria del colore.

14La parte centrale della mostra è introdotta da una sezione contraddistinta proprio da stampe dalla cromia vivace di grande formato: Lamera (2002) e Stele delle ciliegie (2002), a fanno eco alla quasi "psichedelica" Battilamera (1996/2015), che si incontra successivamente nel percorso. Delicate incisioni di piccolo formato caratterizzano la serie Novantanove haiku (2007), in cui Mazzuchelli compone un proprio bestiario ed erbario. Questa parte dell'esposizione è dominata dai grandi disegni a carboncino del ciclo dedicato all'attivista brasiliano Chico Mendes con cui Paolo Mazzuchelli si aggiudicò la Borsa federa e delle belle arti nel 1993, per il secondo anno consecutivo. In una sorta di viaggio nella profondità oscura dell'inconscio, vengono qui rappresentati mondi visionari e scenari apocalittici popolati da figure e paesaggi fantastici. Il dittico Vomir charognes (2014) documenta il ritorno alla rappresentazione dell'anatomia umana tramite una figurazione caustica, di denuncia e che contraddistingue la ricerca ar istica degli ultimi cinque ann,i così come la parte finale dell'allestimento della mostra.

Un'estetica apparentemente più conciliante, legata alle meraviglie e ai misteri della natura – tema ricorrente nelle opere a partire dal 1992 – trova sfogo nella serie Giardini immaginari (2013) e in Naga e Hiro (2008) il cui titolo riconduce a momenti oscuri della storia del XX secolo.

Il ciclo Ancora una stagione per riflettere (2018/2019) riunisce invece le realizzazioni a stampa più recenti dell'artista: una serie di omaggi agli amici scomparsi.

Concludono il percorso espositivo una cinquantina di disegni di diverso formato dove, tramite corpi mozzati e innaturalmente contorti, l'artista denuncia la violenza che contraddistingue in varie forme la nostra società, gettando uno sguardo sul mondo contemporaneo.

Cenni biografici

Paolo Mazzuchelli nasce a Lugano il 27 gennaio 1954. Come molti artisti ticinesi, si iscrive al Centro Scolastico Industrie Artistiche (CSIA) di Lugano per proseguire la formazione all'Accademia di Brera a Milano, che frequenta fino al 1975. Nel 1982 vince il concorso di disegno indetto dal comune di Chiasso e tiene, sempre a Chiasso, la prima mostra personale di rilievo alla Galleria Mosaico, dove espone ancora nel 1985, 1990 e nel 1993. Dopo il periodo formativo, vive e lavora in Ticino dove è parte di un tessuto di vivaci scambi. Nel 1992 e nel 1993 ottiene la Borsa federale delle belle arti

Dagli anni '90 Mazzuchelli inizia ad intrattenere rapporti con artisti e scrittori gravitanti intorno al poeta visivo Franco Beltrametti, dando vita ad esperienze di contaminazione fra immagine, musica e poesia che vengono presentate, tra gli altri a Venezia, a Locarno, Milano e Zurigo. Nel 2000 il Museo Villa dei Cedri di Bellinzona ordina un fondo, presentato nel 2002 – tutt'oggi conservato presso il museo –, che documenta in dettaglio, attraverso una nutrita scelta di lavori su carta, l'importanza crescente dell'atto grafico nel lavoro di Mazzuchelli: dai disegni di esordio ai grandi fogli a china e carbone fino alle grandi stampe policrome esposte al Museo Epper di Ascona nel 1998. Nel 2002 il Museo Villa dei Cedri di Bellinzona e il Centro Culturale Elisarion di Minusio gli dedicano una mostra con opere del periodo 1982-2002. Nel 2010 e nel 2013 espone alla Galerie Carzaniga a Basilea, mentre nell 2015 e nel 2019 è ospite della Galleria Carlo Mazzi a Tegna. Paolo Mazzuchelli vive e lavora a Tegna.

Il catalogo

La mostra è accompagnata da un catalogo bilingue italiano/tedesco di circa 200 pagine, di cui 120 tavole a colori e 70 pagine corredate da minimali dedicate ai saggi critici e agli apparati. Saggi a cura di Daria Caverzasio Hug, Paolo Mazzuchelli, Fabrizio Scaravaggi, Cristina Sonderegger. Apparati a cura di Cristina Sonderegger. Grafica Massimo Prandi. Edizioni Casagrande, Bellinzona.

Il catalogo è stato realizzato grazie al sostegno della Sophie und Karl Binding Stiftung. Rappresenta l'88esimo progetto selezionato nel contesto della sezione "Binding Sélection d'Artistes", volta a incentivare artiste e artisti svizzeri.

MASI Lugano

Il Museo d'arte della Svizzera italiana (MASI Lugano), fondato nel 2015, in pochi anni si è affermato come uno dei musei d'arte più visitati in Svizzera, ponendosi come crocevia culturale tra il sud e il nord delle Alpi, tra l'Europa latina e quella germanica. Nelle sue due sedi - quella presso il centro culturale LAC e quella storica di Palazzo Reali - offre una ricca programmazione espositiva con mostre temporanee e allestimenti della Collezione sempre nuovi, arricchiti da un programma in più lingue di mediazione culturale per visitatori di tutte le età. L'offerta artistica è arricchita dalla collaborazione con la Collezione Giancarlo e Danna Olgiati - parte del circuito del MASI - interamente dedicata all'arte contemporanea. Il MASI è uno dei musei svizzeri sostenuti dall'Ufficio federale della cultura ed è anche uno degli "Art Museums of Switzerland", il gruppo di musei selezionati da Svizzera Turismo per promuovere l'immagine culturale del Paese in tutto il mondo.  15

Esposizioni in corso

La Collezione

Palazzo Reali (allestimento permanente)

 

Shunk-Kender

L'arte attraverso l'obiettivo (1957 – 1983)

Palazzo Reali, fino al 20 settembre 2020

 

Vincenzo Vicari fotografo

Il Ticino che cambia

Palazzo Reali, fino al 10 Gennaio 2021

 

Prossime esposizioni

What's New. A Collection in Progress 2020  16

19 Settembre – 13 dicembre 2020

 

Hans Josephsohn

19 settembre - 21 febbraio 2021

 

Gabriela Maria Müller. Anima naturae

Premio Artista Bally dell'anno 2019

24 settembre 2020 – 01 novembre 2020

 

Marta Margnetti

Premio Manor Ticino 2020

28 Novembre 2020 – 14 Febbraio 2021

 

Informazioni

Sede

MASI Lugano

Piazza Bernardino Luini 6

CH - 6901 Lugano

Orari

L'orario di apertura è consultabile direttamente sul sito del Museo

Ingresso

Le tariffe e la lista completa di riduzioni e agevolazioni è consultabile direttamente sul sito del Museo

Vendita online

www.masilugano.ch  17

www.luganolac.ch   

Contatti

Informazioni per il visitatore

+41 (0)58 866 4240

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  

Visite guidate e laboratori creativi

+41 (0)58 866 4230

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  

Ultima modifica 27 Agosto 2020
Valuta questo articolo
(3 Voti)
Vai Su