MetropolNews

03:2117092021

Ultimo Aggiornamento01:04:45 PM GMT

Back Cultura Mostre Apre "Grand Tour" la mostra itinerante della ceramica italiana

Apre "Grand Tour" la mostra itinerante della ceramica italiana

Caltagirone foto Raffaele Tassinari  007Apre "Grand Tour" la mostra itinerante della ceramica italiana

Il lungo viaggio di GRAND TOUR – la mostra itinerante

alla scoperta della straordinaria tradizione e contemporaneità della ceramica italiana, attraverso la collezione di rappresentanza dell'Associazione Italiana Città della Ceramica – AiCC – fa tappa quest'anno a Firenze, ospitata per la prima volta da ARTIGIANATO E PALAZZO nel Giardino di Palazzo Corsini (29 MAGGIO - 6 GIUGNO 2021- Ingresso Libero).

"Avere la possibilità di presentare al pubblico la bella mostra "GRAND TOUR" ci emoziona, perché descrive con intelligenza e gusto, ciò che il nostro paese ha saputo tramandare nelle tante "città della ceramica" raccontando – come solo il pane del resto sa fare – le diversità di ogni regione, territorio, frazione in un caleidoscopio di forme, colori e sapori", dichiarano Sabina Corsini, Presidente dell'Associazione Giardino Corsini e Neri Torrigiani, ideatore ed organizzatore di ARTIGIANATO E PALAZZO.

L'esposizione, a cura di Jean Blanchaert, Viola Emaldi e Anty Pansera e coordinata da Giuseppe Olmeti, è composta da oltre 170 opere provenienti da 15 regioni per 45 comuni italiani, centri di produzione ceramica depositari di un saper fare straordinario tramandato da secoli: dalla Puglia al Veneto, dalla Sicilia e Sardegna alla Liguria e Piemonte, dagli Abruzzi alla Romagna e alla Toscana.Impruneta

"Nel nostro progetto espositivo - afferma Massimo Isola, Sindaco di Faenza, Presidente dell'Associazione Italiana Città della Ceramica – AiCC - il materiale e l'immaginario si incontrano in questi lavori, opere uniche che rappresentano capolavori in ceramica, storie di singole botteghe e di decine di comunità, diffuse in ogni angolo della penisola."

Oggetti d'arte, quelli visibili a Grand Tour, riedizioni fedeli di pezzi storici, ispirati da forme e decori trasmessi nel tempo, o interpretazioni della tradizione in chiave moderna, realizzate a mano oggi come ieri da giovani ceramisti e maestri di bottega in laboratori artistici, aziende artigiane, manifatture. Oggetti carichi di una forte valenza estetica e di una chiara funzione d'uso, rappresentativi della cifra stilistica delle città dalle quali provengono.

"Ogni città, nel tempo, ha costruito attraverso la ceramica una identità culturale propria, che con "Grand Tour" è possibile leggere: ceramiche che hanno assorbito il passare del tempo e il cambiamento del gusto e del costume, e che magicamente rappresentano lo spirito del luogo come il vino, il formaggio o l'accento della lingua italiana. Opere che raccontano come è cambiata l'idea di bellezza e come si sono trasformate negli anni le abitudini degli italiani", spiegano Jean Blanchaert e Viola Emaldi, curatori della mostra insieme a Anty Pansera.

IL PROGETTO ESPOSITIVO

Il progetto espositivo ideato da Viola Emaldi – pensato per essere itinerante – è quello di offrire al pubblico un racconto delle città italiane della ceramica attraverso quei manufatti che appartengono all'identità storico-culturale dei centri di eccellenza e dell'Italia intera.

Un viaggio nel viaggio, con un richiamo nominale al viaggio culturale in Italia, che dalla fine del Seicento ha portato nel nostro Paese giovani studenti ed intellettuali europei, alla scoperta del nostro patrimonio storico.

E come nomade è il viaggio del "gran turista", così è l'allestimento espositivo di Grand Tour, mobile ed adattabile come un bagaglio nel suo essere costituito dalle stesse casse di trasporto che, prima aperte e poi combinate in una grande installazione dove ogni parte si fonde in una caleidoscopica visione d'insieme, si richiudono, infine, in direzione della prossima meta.

LA MOSTRA

UN VIAGGIO NELLA STORIA E NELLA CONTEMPORANEITÀ DELLA CERMAMICA

Le opere esposte in Mostra sono riedizioni di pezzi storici o produzioni moderne, testimoni di stili diversi: dall'Arcaico al tardo Medioevo, dal Rinascimento al Settecento, dal Neoclassico al secolo dei Lumi, al Liberty e al Decò, fino al Design contemporaneo.

Oggetti di uso comune o puramente decorativi, ispirate a forme e decori storici che, attraverso l'artigianato artistico, diventano simbolo condiviso di una identità territoriale che si rinnova di generazione in generazione e sa essere contemporanea: contenitori per la tavola, dalle forme semplici o complesse, dal grande "piatto da parata" alle "famiglie" dei vasi e delle brocche, anse e "bocche" all'insegna di un'ergonomia consolidata dal tempo, non solo ornamentali ma di servizio. Ma, anche, piccoli complementi/articoli di fantasia che caratterizzano i territori: dal ciuccio o asinello, di Vietri alle teste di moro del nostro Sud, così come per le pigne.

"Una produzione che coniuga l' "etica" - all'insegna della sostenibilità che caratterizza sempre più i nostri tempi (aggiornati smalti e cristalline) -, con l'estetica, testimonianze di gusti consolidati dalla tradizione (forme e "abbellimenti" decorativi), che ci immerge non tanto nella storia del costume quanto nella storia di quelle "arti minori/applicate" che si stanno riprendendo il palcoscenico", afferma Anty Pansera, curatore della Mostra insieme a Jean Blanchaert e Viola Emaldi.

L'Italia viene così raccontata a Grand Tour da ceramiche dalle forme e dai segni più svariati: a volte è il decoro a prevalere, altre volte è la figura, dal segno graffito alla pennellata, e altre ancora la plastica, eseguita a mano libera o a stampo.

Allestita nella grande Limonaia restaurata del Giardino Corsini, sarà visitabile dal 29 maggio al 6 giugno (ingresso gratuito) con l'occasione, per appassionati e curiosi, di approfondire la conoscenza del grande universo della ceramica italiana.

"GRAND TOUR" è una mostra intelligente ed itinerante, che è stata presentata in molte città italiane ma soprattutto all'estero presso Musei e sedi istituzionali, da Bruxelles a Aubagne, da Argentona a Boleslawiec, da Lugano a Cracovia fino a Rijeka.

IL SETTORE

L'Italia è un luogo caratterizzato da un impressionante numero di città-museo o paesi-museo, eccellenze ben note: Roma, Venezia, Firenze, o di dimensioni minori e più specifiche come Pompei, Matera, Ravenna. Altre ancora si connotano per il profondo senso identitario (artistico o artigianale) che le rende uniche ed eccellenti: è il caso delle città di affermata tradizione ceramica: Albisola Superiore, Albissola Marina, Ariano Irpino, Ascoli Piceno, Assemini, Bassano del Grappa, Borgo San Lorenzo, Burgio, Caltagirone, Castellamonte, Cava de' Tirreni, Castelli, Cerreto Sannita, Civita Castellana, Cutrufiano, Deruta, Este, Faenza, Grottaglie, Gualdo Tadino, Gubbio, Impruneta, Laterza, Laveno - Mombello, Lodi, Montelupo Fiorentino, Napoli- Capodimonte, Nove, Oristano, Orvieto, Pesaro, San Lorenzello, Santo Stefano di Camastra, Sciacca, Sesto Fiorentino, Squillace, Urbania, Viterbo e Vietri sul Mare.

Ognuna di queste è un centro ceramico di antica tradizione, possiede un genius loci che la distingue dalle altre ed è espressione di un territorio, dei suoi usi e costumi, sia per quel che riguarda il folklore popolare sia la manifattura per l'aristocrazia.

AiCC – Associazione Italiana Città della Ceramica

L'Associazione Italiana Città della Ceramica (AiCC) è un'associazione senza fini di lucro alla quale aderiscono 45 Comuni di 15 Regioni: Albisola Superiore, Albissola Marina, Appignano, Ariano Irpino, Ascoli Piceno, Assemini, Bassano del Grappa, Borgo San Lorenzo, Burgio, Calitri, Caltagirone, Castellamonte, Castelli, Cava dei Tirreni, Celle Ligure, Cerreto Sannita, Civita Castellana, Città di Castello, Cutrofiano, Deruta, Este, Faenza (che la presiede fin dalla fondazione), Grottaglie, Gualdo Tadino, Gubbio, Impruneta, Laterza, Laveno Mombello, Lodi, Monreale, Montelupo Fiorentino, Napoli-Capodimonte, Nove, Oristano, Orvieto, Pesaro, San Lorenzello, Santo Stefano di Camastra, Savona, Sciacca, Sesto Fiorentino, Squillace, Urbania, Vietri sul Mare, Viterbo.

Nata nel 1999, ha sviluppato una rete nazionale dei Comuni riconosciuti dal Ministero Italiano dello Sviluppo Economico come "Città di antica ed affermata tradizione ceramica", nell'ambito di una Legge nazionale (Legge 188/90), e coinvolgendo quindi quelle città in cui storicamente si è sviluppata una significativa attività ceramica.

La mission di AiCC è lo sviluppo di questa rete e la realizzazione di azioni per la valorizzazione della ceramica italiana, attraverso la promozione di un patto di amicizia fra i centri di antica tradizione ceramica, con azioni di tipo istituzionale e culturale, di promozione e marketing, di costruzione di reti con altre città della ceramica a livello internazionale. Nella sua attività, oltre a Grand Tou,r ha realizzato anche altri importanti progetti in collaborazione con Enti/Associazioni. In particolare: Argillà Italia, festival della ceramica in Europa; Buongiorno Ceramica, festa della ceramica italiana; Mater Ceramica, progetto nazionale di mappatura della ceramica italiana, finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico e realizzato assieme a Confindustria Ceramica; Fame Concreta, incontro tra ceramica ed enogastronomia; La Strada della Ceramica: dalla Italia alla Cina e ritorno, workshop con 50 ceramisti italiani, in collaborazione il Museo di Fuping in Cina per realizzare).

Tra le attività internazionali, AiCC ha promosso la nascita di Associazioni di Città della Ceramica, in Francia, Spagna, Romania, Germania, Repubblica Ceca, Portogallo e Polonia.

Nel 2014 Italia, Francia, Spagna, Romania, Germania, hanno costituito AEuCC, per portare avanti progetti europei, co-finanziati dalla Unione Europea.

MOSTRA "GRAND TOUR"

29 maggio - 6 giugno 2021

Giardino di Palazzo Corsini

Via della Scala, 115 Firenze

Ingresso libero

Orario:

sabato e domenica 10,00/19,00

da lunedì a venerdì 15,00/19,00

www.buongiornoceramica.it 

#grandtourfirenze

www.artgianatoepalazzo.it 

#artigianatoepalazzo 

Sono aperte le iscrizioni per partecipare alla XXVII edizione di ARTIGIANATO E PALAZZO botteghe artigiane e loro committenze che si terrà da giovedì 16 a domenica 19 settembre 2021 al Giardino Corsini.

(ph Raffaele Tassinari)

Ultima modifica 30 Maggio 2021
Valuta questo articolo
(1 Vota)