MetropolNews

06:5530112021

Ultimo Aggiornamento01:04:45 PM GMT

Back Cultura Mostre Otto street artist reinterpretano TOH, l’opera di Nicola Russo per la città di Torino

Otto street artist reinterpretano TOH, l’opera di Nicola Russo per la città di Torino

Render TOH  HOT Vol. 1  DOtto street artist reinterpretano TOH, l’opera di Nicola Russo per la città di Torino
 
Le otto opere – raccolte nella mostra HOT Vol. 1
verranno esposte dal 2 al 16 novembre presso la galleria open air di Domus Lascaris, inaugurata dal Gruppo Building nell’ambito di Contemporaryart Torino Piemonte. In via Dellala sarà esposto anche il TOH originale dell’artista, visibile fino al 30 novembre.
Gli otto lavori verranno poi battuti all’asta per la Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro Onlus di Candiolo.
Torino 28 ottobre 2021 - In occasione di Contemporaryart Torino Piemonte, otto street artist torinesi reinterpretano l’opera TOH dell’artista Nicola Russo, omaggio all’iconica fontana torèt, simbolo della città di Torino. Max Petrone, Alice Arduino, Gec Art, Rawtella, Arteria Palma, Nicolò Canova, Halo Halo e Jins riproporranno liberamente l’opera di Russo, rielaborandola con tecnica libera e dandole così nuova vita. Le otto opere, riunite nella mostra HOT Vol. 1, verranno esposte dal 2 (opening alle ore 18.30) al 16 novembre presso la galleria open air di Domus Lascaris, inaugurata dal Gruppo Building. Insieme alle otto opere ci sarà anche il TOH originale dell’artista, in esposizione nel tratto pedonale di Via Dellala fino al 30 novembre.
 
 
Verso metà novembre, le opere verranno battute all’asta all’interno degli spazi di Paratissima: una parte del ricavato (il 40%) verrà devoluta a Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro Onlus di Candiolo. Render TOH  HOT Vol. 1   Dn2
 
 
TOH si ispira all’elemento urbano delle fontane pubbliche e rappresenta la volontà di rinascita della città dopo il lungo lockdown. Un’opera geneticamente POP, riconoscibile da tutti, ma anche un manifesto della nuova Torino che reagisce, che si espone per rinascere. Lo dimostra il coinvolgimento di un charity partner importante come FPRC Onlus, scelto allo scopo di dare un’ulteriore valenza sociale al progetto artistico, fortemente radicato sul territorio: non a caso tutta la filiera produttiva è piemontese. In questo modo si concretizzerà anche la ricaduta economico-sociale della rinascita di cui il progetto si fa portavoce.
 
 
“Ho immaginato il suo stato d’animo, chiuso in una fontana senza poter uscire, una situazione mai come oggi attuale e che ha fatto parte di questo terribile momento. Allora mi sono immedesimato in quel toro, che, vedendo la sua Torino smarrita dalla crisi e alla ricerca di una nuova identità, decide di esporsi, di fare un gesto eroico per dare un segno di cambiamento. Così l’ho immaginato rompere con forza il metallo e venir fuori. Si libera così con ironia dell'understatement torinese, esce dalla sua ‘’casa’’ da quello schema, e si espone, si presenta alla città così com'è, fiero, mostrando tutte le imperfezioni comuni ad ognuno di noi, pronto a ripartire e mettersi in gioco per stimolare la rinascita di questa città e non solo. Un‘opera identitaria pronta a stabilire un dialogo con la città e le persone, che non lascia mai il passato ma che evolve per accogliere il futuro” spiega l’artista Nicola Russo.
 
 
“L’arte pubblica da sempre caratterizza i nostri interventi architettonici e oggi, nell’inaugurare il nuovo spazio en plein air di Domus Lascaris dedicato all’arte, pensiamo ai cittadini che potranno scoprire un luogo che vedrà periodicamente l’esposizione di nuove opere. Ci auguriamo anche che l’azione benefica a favore di FPRC Onlus raccolga il sostegno di molti come segno di una nuova ripartenza.” dichiara Piero Boffa, Presidente del Gruppo Building.
Ultima modifica 29 Ottobre 2021
Valuta questo articolo
(2 Voti)