MetropolNews

20:1418072019

Ultimo Aggiornamento01:04:45 PM GMT

Back Cultura Teatro BECKETT in quattro grandi versioni

BECKETT in quattro grandi versioni

Samuel-Beckett-001Nel periodo 19 novembre 1 dicembre al Gobetti la Compagnia Mauri-Sturno ha messo in scena una rivisitazione del grande drammaturgo irlandese Samuel Beckett in due atti. La retrospettiva ha preso in considerazione alcune frasi e aforismi che definiscono la poetica dell’autore soffermandosi in particolare su quattro momenti fondamentali, dopo Il Prologo in cui il poeta viene sviscerato attraverso alcune sue dichiarazioni
fatte in interviste, il tutto viene rielaborato nell’apodittico riassunto sintetico della frase “Non c’è nulla più comico dell’infelicità”
Respiro, aperto da un cumulo di macerie con la vita che appare nei suoi momenti cardine dei primi vagiti e degli ultimi rantoli in un mondo totalmente dissestato e alieno all’umanità, seguendo la lezione letteraria proposta dal decadentismo e dell’esistenzialismo.
Improvviso dell'Ohio scritto in occasione di una richiesta celebrativa con il pirandelliano sdoppiamento del protagonista nella figura del Lettore-Ascoltatore che riferendo di una vicenda drammatica e dolorosa, nell’ascoltarsi della voce narrante ottiene sollievo dal dolore assurdo dell’umana tragedia rappresentata nello scacco esistenziale dell’assenza di una moglie misteriosamente introvabile.
Atto senza parole  in una breve sequenza appare un individuo desolato che riesce a trovare pace e dignità nel totale solipsismo
L’ultimo nastro di Krapp corrisponde al secondo atto in cui lo stesso Mauri (il primo in Italia che con la Compagnia dei Quattro mise in scena il testo beckettiano), oggi dialoga con la voce di trentenne registrata in una bobina nel silenzio notturno di un teatro cinquantuno anni fa, affiorano a galla sbiaditi ricordi e sentimenti atavici.
Le traduzioni degli indimenticabili scrittori torinesi Fruttero e Lucentini danno lustro ad una recitazione senza fronzoli e imperfezioni dei due attori-autori che hanno interpretato   le vicende inscenate con eccezionale curatezza di costumi, ambientazioni ed effetti scenici (come s’intuisce già dal prologo quando uscendo da due bidoni introducono gli spettatori in universo magmatico e alienante)         
                                                                                                   di Andrea Novarino
Ultima modifica 03 Dicembre 2013
Valuta questo articolo
(0 Voti)