MetropolNews

07:2020102018

Ultimo Aggiornamento01:04:45 PM GMT

Back Enogastronomia La Notte dei Maestri del Lievito Madre a Parma

La Notte dei Maestri del Lievito Madre a Parma

 DSC2195 gruppoLa Notte dei Maestri del Lievito Madre a Parma

Taglio da record: una tonnellata di panettoni tagliati alla Notte dei Maestri del Lievito Madre a Parma lo scorso 23 luglio

Link ai video https://wetransfer.com/downloads/c5583d9edf8bffa20a1839b26c95492220180719104007/cd0975ba2ae6348419637df72d8e430120180719104007/cb44fb 

Una tonnellata di panettone e lievitati tagliati lo scorso 23 luglio alla quarta edizione della Notte dei Maestri del Lievito Madre, l'appuntamento per incontrare i più grandi Maestri Pasticceri. Trenta protagonisti della lievitazione e oltre 5000 presenze di cui oltre 250 solo di esperti di settore, per la notte più lunga di Parma, dedicata alla degustazione di prodotti lievitati artigianali. L'evento è nato da un'idea del pasticcere Claudio Gatti di Pasticceria Tabiano a Tabiano Terme, famoso proprio per i segreti del suo lievito madre, con cui produce ila Focaccia di Tabiano, il suo dolce simbolo, ed è organizzato da Video Type di Parma.

"Abbiamo scelto, come in ogni edizione dell'evento, i migliori artigiani della lievitazione, con una particolare attenzione alla selezione di quei dolci che presentano una particolare ricerca e una continua spinta all'innovazione, un' attenta scelta nell'uso delle farine e delle materie prime, ricercando i piccoli produttori, mantendo intatto un alto grado di artigianalità, premesse che sono impossibili da trovare nella grande industria" racconta il Maestro Claudio Gatti. "E' una manifestazione in continua crescita, sia per partecipazione che per mediaticità: una conferma che i lievitati sono apprezzati anche in estate e la loro destagionalizzazione, anche alle soglie del Ferragosto, ha destato molto interesse nel pubblico". Il futuro? Stiamo valutando se riproporre il format anche all'estero o in qualche città italiana" DSC2407 belcolade iginio

Iginio Massari, ospite d'eccezione dell'evento è stato premiato con il titolo "Maestro dei Maestri del Lievito Madre" by Belcolade, presentato da Carla Icardi, Direttore Progetti Food di MN Holding.

"Sono onorato di essere qui e di ricevere questo riconoscimento. Il panettone rappresenta un prodotto d'eccellenza per il nostro Paese e ha tutte le carte in regola per diventare una delle nostre bandiere da esportare con successo in tutto il mondo" dichiara Massari.

Iginio Massari è considerato il Padre della Pasticceria Italiana, fondatore di AMPI, Associazione Maestri Pasticceri Italiani e della scuola di cucina professionale Cast Alimenti, protagonista del format televisivo The Sweetman Celebrities in onda su Sky Uno HD, le sue creazioni si trovano a Pasticceria Veneto a Brescia e alla Pasticceria Iginio Massari a Milano, a pochi metri dal Duomo. Per questo il titolo "Maestro dei Maestri del Lievito Madre" non poteva essere più appropriato.

Per il terzo anno, ALMA - La Scuola Internazionale di Cucina Italiana è stata partner del progetto: gli studenti del Corso Superiore di Pasticceria hanno fatto da assistenti ai 30 Maestri Pasticceri in arrivo a Parma da tutta Italia: l'evento è stato un'anticipazione dell'esperienza che andranno a vivere nei prossimi tre mesi, quando affronteranno il periodo di stage. Inoltre alla Notte dei Maestri del Lievito Madre ALMA ha omaggiato i foodies presenti con del lievito madre. DSC2684

I dati:

Secondo Aidepi (l'associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane) nel nostro Paese ne vengono prodotti ogni anno circa 50 tonnellate che equivalgono circa a 50 milioni di unità (0,82 pro capite) per un giro d'affari complessivo pari a 331 milioni di euro, quasi un panettone a testa. Un trend, quello del panettone, in costante crescita: (+4%) . E anche i numeri dell'export sono positivi come conferma Confartigianato in un report che riguarda il consumo dei lievitati. Secondo Coldiretti 3 italiani su 4 nel 2017 hanno scelto dei panettoni garantiti made in Italy, a conferma di una sempre maggiore sensibilità dei consumatori verso la provenienza di quel che portano in tavola.

I maestri del Lievito Madre:

I Maestri del Lievito Madre presenti vengono da tutta Italia, riuniti per una lunga notte dedicata alla lievitazione:

Marco Avidano- Pasticceria Avidano a Chieri (TO)

Mario Bacilieri- Pasticceria Bacilieri a Marchirolo (VA)

Luigi Biasetto – Pasticceria Biasetto a Selvazzano Dentro (PD)

Maurizio Bonanomi- Pasticceria Merlo a Pioltello (MI)

Renato Bosco- Saporè di San Martino Buon Albergo (VR)

Roberto Cantolacqua Ripani- Pasticceria Mimosa di Tolentino (MC)

Emanuele e Giancarlo Comi- Pasticceria Comi a Missaglia (LC)

Denis Dianin- D&G Patisserie di Selvazzano Dentro (PD) e Clusone (BG) DSC2020 gatti

Gino Fabbri- Gino Fabbri Pasticcere a Bologna

Francesco Favorito- specialista del Gluten free

Fabrizio Galla- Fabrizio Galla a San Sebastiano Da Po (TO)

Claudio Gatti- Pasticceria Tabiano a Tabiano Terme (PR)

Stefano Gatti- Il Fornaio a Viareggio (LU)

Emanuele Lenti- Pregiata Forneria Lenti a Grottaglie (TA)

Daniele Lorenzetti- Pasticceria Lorenzetti a San Giovanni Lupatoto (VR)

Grazia Mazzali- Pasticceria Mazzali a Governolo (MN)

Mauro Morandin- Pasticceria Mauro Morandin a Saint-Vincent (AO)

Alfonso Pepe-Pasticceria Pepe a Sant'Egidio del Monte Albino (SA)

Paolo Sacchetti- Il Nuovo Mondo a Prato

Vincenzo Santoro- Pasticceria Martesana di Milano

Anna Sartori- Pasticceria Sartori a Erba (CO)

Attilio Servi- Pasticceria Attilio a Pomezia (RM)

Valter Tagliazucchi- Il Giamberlano a Pavullo Nel Frignano (MO)

Vincenzo Tiri- Tiri 1957 di Acerenza (PZ)

Andrea Tortora- AT/ Patissier San Cassiano in Badia (BZ)

Carmen Vecchione- DolciArte di Avellino

Achille Zoia- La boutique del Dolce a Cologno Monzese (MI)

Agugiaro&Figna Molini

Agugiaro&Figna Molini, azienda molitoria italiana attiva fin dal XV secolo e leader nel mercato italiano per la macinazione del grano tenero anche quest'anno è main sponsor de la Notte dei Maestri del Lievito Madre con la linea "Le Sinfonie" dedicata all'arte dolciaria e le farine di gusto Grano Franto, Mora e Grani Antichi per preparazioni di grandi lievitati sia dolci che salati.

I Maestri pasticceri d'Italia presenti potranno interpretare a scelta una farina di gusto firmata Agugiaro&Figna e testarne la duttilità sulle proprie lavorazioni.

Agrimontana custodisce dolcemente i frutti della natura ricorrendo alle proprie abilità artigianali supportate dalle più moderne tecnologie. La canditura è stata la loro prima preparazione cui sono seguite le confetture e altri prodotti tradizionali e innovativi all'insegna della naturalità e dell'alta qualità.

Belcolade identifica il vero cioccolato belga: prodotto nel pieno rispetto di una lunga tradizione artigianale, garantisce un'esperienza di gusto impareggiabile che nasce dalla rigorosa selezione e dall'esperta miscelazione delle migliori materie prime al mondo.

Spinsanti azienda leader certificata e specializzata nella progettazione e la produzione di packaging con materiali e tecniche innovativi. Sono l'unica azienda che produce tutti gli articoli per realizzare coordinati uniformi nei colori e nelle grafiche per pasticcerie come carta da imballo, sacchetti, scatole, porta torta, porta paste, buste e shopper offrendo una consulenza d'immagine all'avanguardia.

Si ringraziano anche gli sponsor tecnici Compagnie Des Hotels per l'accomodation, Goeldlin per le giacche professionali con il logo dei Maestri pasticceri, Parma Quality Restaurants, il Consorzio dei ristoratori di Parma che, guidati dallo chef Enrico Bergonzi, cureranno la cena dei Maestri proponendo le specialità del territorio di Parma".

Parma, il territorio:

Parma è stata nominata, unica in Italia, città creativa per la gastronomia Unesco nel dicembre dello scorso anno. Parma è una città con un centro ricco di capolavori artistici, piccoli e grandi tesori di diverse epoche e grandi aree verdi, si respira un'atmosfera raffinata da piccola capitale. Certo non si può parlare solo della cittadina di Parma, dei suoi monumenti (le cappelle del Correggio, la camera di San Paolo e il battistero nella splendida cornice della piazza del Duomo) e della sua tradizione musicale, senza aver ben presenti i paesaggi che le fanno da corona: le colline tra il Po e il crinale appenninico, con tanti piccoli centri ricchi di storia, castelli, pievi medioevali e teatri.

La "bassa" con i comuni di Mezzani, Sorbolo, Trecasali e Polesine ha ispirato il riottoso carattere di Bernardo Bertolucci e Giovannino Guareschi. Terra ricca di capolavori architettonici come il Castello dei Rossi a S. Secondo, la Reggia di Colorno ora sede di Alma- Scuola internazionale di Cucina Italiana, il castello di Fontanellato, la rocca di Meli Lupi a Soragna e l'abbazia cistercense a Fontevivo. Qui regna la cultura della carne e la lavorazione del suino è considerata un'altra forma d'arte.

Ultima modifica 29 Luglio 2018
Valuta questo articolo
(1 Vota)