MetropolNews

06:4519072019

Ultimo Aggiornamento01:04:45 PM GMT

Back Musica Concerti Giorgia grande successo in "Senza Paura Tour"

Giorgia grande successo in "Senza Paura Tour"

Giorgia Todrani 03Grande successo per Giorgia ed il suo Senza Paura Tour 2014, al Palaolimpico di Torino Continua il tour natalizio di Giorgia, che fatto tappa al Palaolimpico di Torino. Palazzetto gremito ed emozionato per l’inconfondibile voce di quella che viene considerata una delle più grandi interpreti della musica Italiana. Giorgia, oltre sette milioni di dischi venduti, tra sonorità che variano dal jazz, al soul, fino al pop e
alla dance, non ha deluso le migliaia di fan, tra momenti di grande intensità alternati a quelli di puro divertimento. Dopo il grande successo del disco Senza Paura, che ha ottenuto 2 dischi di platino in pochi mesi: dodicesimo album di una carriera travolgente, iniziata agli inizi degli anni '90 con due partecipazioni a San Remo (una vinta), Senza Paura esce nel 2013 ed entra immediatamente nei primi posti della classifica italiana ritornandoci a distanza di dodici mesi nel 2014.Per questo album Giorgia ha anche ricevuto una nomination agli EMA(MTV Europe Music Awards nel 2014) per la categoria Best Italian Act. Quest’ultima parte del Senza Paura Tour si svolge tutta nel mese di dicembre ed arriva a Torino il 20 dicembre dopo aver toccato altre città d’Italia nel breve spazio di una settimana: Napoli, Roma, Padova.
Vicina al pubblico, grazie anche ai due palchi posti ai lati opposti dell’impianto, ha regalato a tutti emozioni e sorrisi, sostenuta dalla forza della sua voce: ad accompagnarla sul palco per questa sua nuova avventura dal vivo, una band composta da Giorgio Secco (chitarre), Claudio Storniolo (pianoforte e tastiere), Gianluca Ballardin (tastiere e programmazioni), Mylious Johnson (batteria) e dal direttore musicale Sonny T (basso e cori).
Lo spettacolo proposto da Giorgia, durato circa 150 minuti, è stato un vero e proprio "best of" che vede la cantante celebrare i suoi primi venti anni di carriera (il suo primo album in studio, “Giorgia”, raggiunse infatti il mercato nel 1994); non è dunque un caso se la scaletta, che si compone di ventiquattro brani in totale (alcuni dei quali raggruppati in un paio di medley), comprende per lo più i cavalli di battaglia della superlativa Giorgia Todrani. 
Il live, per ciò che riguarda l’aspetto più strettamente musicale, è suddivisibile in alcuni blocchi principali (essenzialmente cinque) e vede la cantante cimentarsi in generi e stili molto diversi tra loro: lo spettacolo si apre infatti con “La mia stanza”. È impossibile stare fermi. Un continuo gioco di luci ci catapulta in una discoteca e la cantante romana non perde l’occasione per ammiccare con i fan rendendosi sensuale. È bella, spensierata e leggera, vuole far vivere un momento di festa, di allegria ai tanti fan che in questa notte di dicembre hanno voluto passarla con lei e con la sua musica. Seguono “Avrò cura di te”,  “Nessun dolore”, “Gocce di memoria”, “Strano il mio destino”, “Come Thelma e Louise”, “Tra dire e fare”, “Parlo con te”, e poi le ballad “Quando una stella muore” e “Non mi ami” (due dei cinque brani contenuti all'interno di “Senza paura” che figurano in scaletta). 
Lo show della cantautrice romana prosegue con “Spirito libero” (proposta in un arrangiamento tendente alla musica elettronica) e “Girasole” (impreziosita si qualche accenno alla musica reggae), interpretate sfilando tra i musicisti e divertendo il pubblico (“In questi tempi di brutte storie e di follie spesso ci si ritrova a vivere la vita con il filtro della paura. Ma noi esseri umani abbiamo delle risorse fantastiche dentro che dobbiamo imparare a tirare fuori, a riscoprire: risorse come l'anima, ad esempio. Ecco, secondo me un buon antidoto alla paura è l'anima. E siccome mi hanno detto che l'anima sa ballare molto bene, voglio provare se è vero con queste canzoni”, ha detto la cantante presentando i brani). In questa prima parte trovano spazio anche due classici come “Gocce di memoria” e “Come saprei” (attraverso le quali Giorgia sfoggia le sue doti vocali, rischiando però di strafare con vocalizzi eccessivi).
Dopo un cambio di, lo sguardo del pubblico torna a rivolgersi verso il palco e l’elettronica torna in primo piano prima con “Il mio giorno migliore (primo singolo estratto dall’album “Dietro le apparenze” - 2011) e poi con “Vivi davvero” (tra le due canzoni Giorgia torna a proporre alcune ballad, come “Per fare a meno di te”, “Pregherò” e “Chiaraluce”). Le atmosfere si fanno quasi sospese in “Marzo”, dedicata al compianto Alex Baroni, accolta dal pubblico con una standing ovation che fa commuovere la cantante; il brano apre idealmente la penultima sezione del live e la sua esecuzione viene seguita da quelle di “Tu mi porti su” (durante il cui finale Giorgia si diverte ad incitare il pubblico con un botta e risposta di vocalizzi) e di un altro classico come “Di sole e d’azzurro”.
Per il bis, dopo i classici ringraziamenti, Giorgia omaggia i colleghi Lorenzo Jovanotti (di cui propone una cover di “Serenata rap”), Laura Pausini (della quale interpreta “Strani amori”) e Corona (“The rythm of the night"”), per poi chiudere lo spettacolo con “E poi” e “Io fra tanti”.  
                                                                                                                                   Saverio Albanese
Ultima modifica 29 Dicembre 2014
Valuta questo articolo
(557 Voti)