MetropolNews

14:2928112020

Ultimo Aggiornamento01:04:45 PM GMT

Back Spettacoli "Il Ballo del Doge" il più sontuoso ballo in maschera al mondo

"Il Ballo del Doge" il più sontuoso ballo in maschera al mondo

 OPENING IL BALLO DEL 2020 "Il Ballo del Doge" " Carnival Rhapsody - Provocation, Redemption, Miracle"

SABATO 22 FEBBRAIO 2020

SCUOLA GRANDE DELLA MISERICORDIA - VENEZIA

La notte dell'ultimo sabato di Carnevale 2020, Antonia Sautter presenterà al mondo la sua maestosa rapsodia veneziana: Il Ballo del Doge.

"Carnival Rhapsody - Provocation, Redemption, Miracle" è infatti il tema scelto dalla stilista paladina dell'handmade in Venice per la nuova XXVII edizione di questa straordinaria produzione artistica che porta la sua firma e che sabato 22 febbraio 2020 a partire dalle ore 20:00 per la prima volta allestirà alla Scuola Grande della Misericordia.ANTONIA SAUTTE IL 020

TRE SOTTOTEMI: PROVOCATION, REDEMPTION, MIRACLE

La Provocazione di accogliere la sfida di dare continuità al sogno, nonostante gli imprevisti naturali che Venezia si è trovata a vivere con l'eccezionale "acqua granda" di novembre 2019, per lanciare e rilanciare al mondo un messaggio di positività, continuare ad osare e desiderare di vivere l'inedito e sperimentare l'insolito.

La Redenzione come ambizione di riscatto da qualsiasi avversità, per continuare a godere dell'irrinunciabile senso di meraviglia. Redenzione intesa, anche, nella sua pronuncia più alta, ossia come libertà e liberazione, e nulla più del Carnevale è l'occasione per assaporare questa sensazione.

Il Miracolo di salvare la città attraverso il gala di Carnevale più glamour al mondo: Il Ballo del Doge. Perché miracolo sarà quanto la stilista e imprenditrice veneziana Antonia

Sautter riuscirà a realizzare anche quest'anno, reinventando creativamente la nuova location scelta - la Scuola Grande della Misericordia - prevedendo in essa la trama di una rappresentazione che materializzerà la rinascita di Venezia sommersa dalle acque.

Alberto Bocelli Antonia SauttPROTAGONISTI DI UN MIRACOLO

Rapsodia veneziana, dunque, come tema principale dell'edizione 2020 de Il Ballo del Doge che prendendo spunto dalla composizione musicale a tema libero tanto cara a Brahms e Gershwin, si innalza a summa corale di singole espressioni artistiche.

Tutto questo sotto le imponenti 24 colonne della sala principale d'ingresso e al piano superiore di Scuola Grande della Misericordia, dove Antonia Sautter vestirà interamente ogni spazio di suggestioni

veneziane. Scenografie disegnate appositamente per il tema e realizzate su misura per gli ambienti, decorazioni superlative, spettacoli con più di 150 artisti - fra fidelizzati delle precedenti edizioni e volti nuovi provenienti da casting selezionati dalla stessa Antonia Sautter - oltre a raffinate pietanze, musiche, balli e intrattenimenti fino all'alba, fanno de Il Ballo del Doge l'unico evento internazionale celebrato a Venezia dal jet set e da tutti i cacciatori di sogni.

Un sogno assolutamente autentico, concreto, come la moderna rivisitazione dei lussuosi banchetti della Serenissima: mise en place impeccabili, tavoli imbanditi e minuziosamente decorati, fiumi di bollicine celebrate quest'anno da un perlage finissimo e raro. Il Franciacorta Docg Coronea, che nell'elegante etichetta a mandorla verticale racchiude un leone coronato, il leone di Giuda,

stilisticamente evocativo del simbolo di Venezia: il leone di San Marco. Per uno "Sparkling Miracle" squisitamente italiano.

L'etichetta Bocelli 1831 della famiglia del cantante Andrea Bocelli, che produce vini d'eccellenza anche in partnership con cantine di altre regioni vinicole italiane, allieterà il menu de Il Ballo del Doge, con i suoi vini fermi toscani bianchi e rossi.

Campari, simbolo dell'aperitivo italiano nel mondo, con i propri iconici cocktailANTONIA SAUTTE IL 020

Americano, Negroni e Campari Spritz accompagnerà gli invitati per tutta la durata della festa. Dall'aperitivo in perfetto stile italiano inteso come momento da scoprire, degustare e condividere, fino al dopo cena.

Si rinnova quest'anno la collaborazione con trucco e parrucco per gli Ospiti de Il Ballo del Doge, dell'equipe di make-up artist dell'Academia BSI di Anna Del Prete fondata da Diego Dalla Palma.

IL PIÙ SONTUOSO BALLO IN MASCHERA AL MONDO

Fin dai suoi esordi nel 1994 Il Ballo del Doge di Antonia Sautter è universalmente riconosciuto come il più sontuoso, raffinato ed esclusivo Gala in maschera del Carnevale di Venezia nel mondo.

Dall'allestimento scenico alle performance di cantanti, ballerini e aerialist, dal design floreale al menu, dai capolavori sartoriali indossati da ospiti e artisti tutto concorre, per una sera, al grande e straordinario risultato che è Il Ballo del Doge di Antonia Sautter, dove lo spirito del Carnevale di Venezia entra in osmosi con la vita vera, esortando a osare il coraggio di essere felici. O quantomeno spensierati.

"Solo una grande passione animata da un pizzico di irrazionalità e leggerezza può portare alla realizzazione di un miracolo. Solo il grande amore per Venezia e di coloro che la amano veramente, può concorrere a questo miracolo. I veneziani sono i primi ad avere Venezia nel cuore, perchè hanno un cuore grande. La mia parola d'ordine, da sempre, è sogno. Perché Venezia è essa stessa un sogno ad occhi aperti. Sotto gli occhi di tutti". (Antonia Sautter)

CORONEA, UN'UNICA ETICHETTA PER UN GRANDE SOGNO IN FRANCIACORTASan Benedetto Bal

Siamo nella Francia Corta orientale, nello storico e prestigioso paesaggio in cui nascono le più rinomate bollicine italiane. È qui, tra le colline moreniche di Sale di Gussago, in provincia di Brescia, che prende vita il sogno di Andrea Bignotti e Chiara Turelli: quello di produrre un Franciacorta unico, il più naturale possibile e anche il più esclusivo possibile.

Nasce con queste ambizioni il Coronea Brut Franciacorta DOCG prodotto nella tenuta dello storico Castello di Sale di Gussago, in via Santo Stefano Martire 17, che comprende 3 ettari di terreno di cui solo 1,8 sono vitati. L'intera produzione è costituita da Chardonnay che fu impiantato negli anni '70 dai proprietari precedenti della tenuta seguendo l'orografia del monte, con un'esposizione a sud del 75%.

L'andamento del vigneto attorno al monte fa assumere una caratteristica forma "a corona" da cui la cantina e il suo vino prendono il nome.

I giovani propulsori di questo "sogno" seguono l'azienda con l'idea di esaltare al meglio il vitigno e il territorio,

cercando di lasciare il prodotto il più naturale possibile utilizzando un approccio scientifico in vigna e in cantina. Pochi trattamenti, sfruttamento della buona ventilazione data dall'esposizione, raccolta manuale, pressatura soffice sono solo alcune delle tante attenzioni riservate al Coronea Brut.

UN UNICO VINO, UN VINO UNICO

Blanc de blanc da uve Chardonnay, Coronea Brut ha una produzione totale di 10mila bottiglie l'anno. Debutta sul mercato con la prima annata prodotta, la 2013, realizzata con l'aiuto dell'enologo Cesare Ferrari.

La produzione prevede scrupolose attenzioni fin dalla coltivazione in vigna: pochi trattamenti l'anno grazie alle perfette condizioni di esposizione sulla collina della tenuta. La raccolta viene fatta a mano nel mese di agosto, quando l'uva raggiunge il perfetto equilibrio tra contenuto zuccherino e struttura acida.

VIOLINISTE IL BALLO DELIn cantina, dopo una pressatura molto soffice e delicata, si passa ad una fermentazione primaria a bassa temperatura. Questo a rispetto di un protocollo genuino e rigoroso in grado di lasciare che le preziose note impresse dalla natura nelle uve esprimano la loro essenza nel prossimo cru. La primavera successiva alla vendemmia si procede con

l'imbottigliamento e inizia così la fermentazione secondaria. L'affinamento sui lieviti è di 35 mesi.

Di fondo c'è una scelta di integrità che hanno fatto Andrea Bignotti e Chiara Turelli, una scelta senza compromessi che li ha portati a compiere delle scelte ben precise, come quella di non vinificare né nel 2016 né nel 2018, perché l'uva non era perfetta (causa grandine e altre condizioni atmosferiche avverse).

CORONEA FRANCIACORTA BRUT DOCG

Questo Blac de blanc ottenuto esclusivamente da uve Chardonnay può considerarsi, visto il basso dosaggio (siamo a meno di 4g/l), alla stregua di un Nature. Vino dal color dorato con lievi riflessi verde-oro, il Coronea Franciacorta Brut Docg ha un perlage fine e persistente. Elegante alla vista come al palato, con note fragranti e minerali che rivelano la complessa struttura e personalità di questo vino. Grazie a questo carattere allo stesso tempo fresco e strutturato, riesce piacevolmente ad accompagnare formaggi di media stagionatura, piatti a base di pesce e delicati risotti di alta cucina.

CORONEA S.S. Societá Agricola

via Santo Stefano 17 25064 Gussago BS ITALIA CF e PIVA 003551930989

coronea.it | Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. | f Coronea Franciacorta

Ultima modifica 26 Febbraio 2020
Valuta questo articolo
(2 Voti)