MetropolNews

15:0316102019

Ultimo Aggiornamento01:04:45 PM GMT

Back Turismo Turismo Il Giardino zoologico di Gerusalemme

Il Giardino zoologico di Gerusalemme

Jerusalemzoo12-viMilioni di turisti arrivano ogni anno in Terra Santa per inseguire la magia delle suggestioni bibliche. Quasi ogni luogo in Israele è stato descritto nella Bibbia e un posto dove la Bibbia prende vita è lo zoo di Gerusalemme. Passare una giornata allo zoo è divertente a tutte le età ed è anche una delle mete più popolari per le famiglie.
Lo Zoo Biblico di Gerusalemme ha aperto ufficialmente i battenti il 9 settembre 1993. Lo zoo si estende su una superficie di circa 62 ettari, in una valle circondata da colline verdi, e abbraccia un piccolo lago situato nei pressi del cancello principale.

Il lago è alimentato da una serie di vasche e cascate che fluiscono l'una nell'altra. Ampi prati e punti ombrosi costeggiano il lago e le piscine. Il sistema idrico è artificiale e si basa su acqua riciclata.
Gli animali presenti nello zoo sono tutti menzionati nella Bibbia; anche se, purtroppo, molti di questi si sono estinti. Tuttavia lo zoo ospita orsi, leoni, rinoceronti bianchi, cervi, e alligatori - ognuno con la propria storia unica raccontata dalla Bibbia.
Lo Zoo Biblico è anche sede di animali in via di estinzione come il Golden Tamarin Lion, pappagallo macao, scimpanzé, elefanti asiatico e altro ancora. Tutti gli animali sono ospitati in ambienti simili a quello che sarebbe loro ambiente naturale.
Lo Zoo Biblico di Gerusalemme ha un ospedale speciale per gli animali e vicino ad esso vi è anche un centro di ricerca destinato ad aiutare gli animali a rischio estinzione. Durante tutto l'anno, lo zoo gestisce programmi speciali, attività ed eventi.

Per ulteriori informazioni:
http://www.jerusalemzoo.org.il/len/
www.goisrael.it
L’Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo sarà a Vostra disposizione tutti i giorni dal lunedì al giovedì dalle ore 09.00 alle 17.00 ed il Venerdì dalle 09.00 alle 14.00 al numero: 02-804905.


                                                                                  Testo di  Mariagrazia Falcone

Ultima modifica 21 Giugno 2012
Valuta questo articolo
(0 Voti)