MetropolNews

20:0518072019

Ultimo Aggiornamento01:04:45 PM GMT

Back Turismo Turismo GLBT AITGL a Milano la prima convention GLBT

AITGL a Milano la prima convention GLBT

gaySi è svolta il 31 Maggio a Milano presso l'Hotel Boscolo la prima convention di AITGL - Associazione Italiana del Turismo Gay & Lesbian. Presenti compagnie aeree (Tap e Air France), catene alberghiere (Radisson Blu), Enti del Turismo (Gran Canaria, Massachusetts, Denver, Vermont, Chicago), testate giornalistiche del turismo (Guida Viaggi, TTG, Mondo in Tasca e Travel Quotidiano), associazioni e riviste gay (Ass. Quore, Pride Magazine, QMagazine) e molti altri partecipanti, soci e non,

interessati al segmento dei viaggi e del turismo GLBT incoming ed outgoing.

L'appello del Presidente di Aitgl, Alessio Virgili, già Co-Ambasciatore insieme ad Alessio De Giorgi di Gay.it di IGLTA (Ass. Internazionale Turismo Gay) che raduna la voce internazionale del GLBT ed ha sede a Ft.Lauderdale, Florida, è rivolto ai soci perché siano più attivi nella vita associativa, nonché alla filiera turistica perché si allinei con l’evoluzione dei tempi e l’innovazione. La richiesta di Virgili, unita a quella di Olga Mazzoni - socio fondatore ed ufficio stampa di Aitgl - ha avuto lo scopo “provocatorio” di sollevare quesiti e dare risposte immediate al classico lassismo nazionale che attende azioni dal sistema pubblico nazionale e non avverte la necessità di agire già, subito e proattivamente a livello d’impresa privata. Per Virgili - in questo momento nel paese Italia - le imprese turistiche hanno due possibili strade: soccombere alla crisi o avere il coraggio di unirsi e sviluppare sinergicamente quello che lo stato non è capace di fare, ovvero un progetto serio di rilancio dell'immagine del turismo in Italia e all'estero.  Una delle chiavi di svolta può a buon diritto essere il turismo omosessuale o turismo gay, grande forza di ricaduta economica, che nel 2012 ha saputo produrre 165 miliardi di dollari nel mondo, dei quali 55 milioni negli USA. Disdegnare in Italia il “pink dollar” è anche questione d’eticità, ma il gay marketing vacilla nelle piccole e grandi imprese per mancanza di visione. Il turismo gay può contare su individui o realtà d’impresa predisposti ad un’apertura mentale e culturale, ma soprattutto ad una formazione quanto meno elusiva o superficiale. AITGL ha già prodotto efficacemente sostegni formativi per le Agenzie di Viaggio e gli operatori turistici che vogliano comprendere. Ben tre le edizioni di Expo Turismo Gay organizzate in seno a No Frills di Bergamo a Settembre, sezione che offre sia all’Incoming sia all’Outgoing uno spaccato molto fedele e puntuale sui protagonisti attuali che lavorano in Italia per il turismo GLBT. A questa “fiera nella fiera” si combina sempre una studio di mercato ed una conferenza aperta ai visitatori ed espositori Trade, affinché  si possa acquisire una serie di informazioni e dati utili per orientarsi anche autonomamente in questo movimento turistico eccezionalmente redditizio in tutto il mondo. "Immagino che un domani non ci debba più essere un’associazione del turismo gay ma un’associazione per l'accessibilità al turismo per qualunque tipo di viaggiatore. Per me riconoscersi quale azienda gay friendly non è per l’eccezionalità, ma per la sostenibilità dei diritti, l’opportunità per anziani, giovani, famiglie con bambini e coppie omosessuali di  convivere liberamente, anche ma soprattutto nel sistema turismo”. E’ una questione culturale e di crescita sociale ed economica: nulla più!

Tra le decisioni prese durante la Convention, l’opportunità di dare spazio ad altri soci, all’interno dell’attuale Board: si candidano pertanto Fernando Navarro Beltrame, promotore di Gran Canaria in Italia per aiutare e coadiuvare le attività promotrici e divulgative di Ufficio Stampa coordinato da Olga Mazzoni di Thema Nuovi mondi Srl. “Sono molto contenta di avere come aiuto tangibile il rappresentante di una meta europea leggendaria nel panorama GLBT. Per me, portavoce etero e neutrale del turismo GLBT, ma comunque fortemente legata alle sfaccettature statunitensi per il numero di destinazioni americane che la mia azienda rappresenta in Italia, è utile potermi misurare con un interprete GLBT europeo e arricchire la nostra voce”. Per i rapporti con le associazioni culturali e sociali di categoria e le istituzioni si candida Marco Albertini del mensile gay italiano Pride, forte di un impegno personale e professionale smisurato nel panorama rainbow. Agente ufficiale per l'Italia di PlanetRomeo B.V. su www.gayromeo.com, uno dei più importanti siti di incontri gay del mondo che vanta oltre 1.3 milioni di profili attivi, social media gay leader in Europa, Africa e nella maggior parte dei paesi asiatici. Organizzatore di mostre d'arte omoerotica ed eventi culturali a tema GLBT dal 2003, troppe da citare in questo contesto ma  l’ evento recente nel 2009 fu in occasione dei festeggiamenti per il 25° anniversario del Centro di Iniziativa Gay Arcigay Milano, con la mostra del fotografo romano Gianorso dal titolo "Ritratti di moderni gentiluomini". E’ stato per altro Vicepresidente del CIG Arcigay Milano e dal 2008 é il Segretario di redazione del mensile Pride. Scrive saggi molto interessanti;notevole quello sul geniale artista americano Keith Haring, attivista gay socialmente impegnato e un uomo d'affari degli anni ’80, scomparso 20 anni fa di Aids. Giustamente - come osservò già a suo tempo Albertini in seno ad Expo Turismo Gay - “Si dice che le persone gay e lesbiche viaggiano di più in quanto godrebbero di una maggiore disponibilità economica ma, diciamocelo apertamente, in realtà siamo favolosi e creativi anche in tempi di crisi. Crisi economica? Affidatevi ai gay! Ma è bene anche ricordarsi che i gay esistono non solo quando fa comodo o, per meglio dire, quando potremmo far tornare i conti o dovremmo evitare che vadano in rosso…”. (fonte: Pride, Andar Per Funghi, 2012)

AITGL invita a partecipare informandosi tramite il sito aitgl.org.

Ultima modifica 20 Giugno 2013
Valuta questo articolo
(0 Voti)