MetropolNews

Back Turismo Viaggi La Croazia e Makarska in festa a Milano

La Croazia e Makarska in festa a Milano

apartamenty-makarska-Il Consolato Generale della Repubblica di Croazia in occasione del 27^ Festa nazionale della Repubblica di Croazia si presenta con la Festa Tra le braccia della bellezza, dedicata alla Citta' di Makarska, 27. giugno 2017. a Milano.

Il Consolato Generale di Croazia, in collaborazione con la Città di Makarska e la Città di Milano, in occasione del ventiseiesimo anniversario dell'inizio dei rapporti diplomatici tra la Repubblica di Croazia e la Repubblica Italiana e della 27 ima Festa Nazionale della Repubblica di Croazia, ha organizzato il 27 giugno 2018 una festa con interessanti contenuti artistici e culturali.

L'iniziativa del Consolato Generale a Milano di dedicare la Festa Nazionale ad una città della Croazia giunge così alla sua 4° edizione. Dopo la presentazione delle città di Zagabria, Zara e Dubrovnik, è ora il turno della bellissima Makarska, una delle mete turistiche più frequentate della Dalmazia.

"La repubblica di Croazia si presenta a Milano, metropoli cosmopolita e centro d'interessi internazionali, attraverso Makarska, noto centro turistico e città che si affaccia direttamente sul mare adriatico ponendo così idealmente le basi per proseguire il rilancio del dialogo tra le due sponde dell'Adriatico, questo antico "lago" che ha unito per secoli il popolo italiano e il popolo croato e che ancora oggi ci offre, in una dimensione europea, opportunità di sviluppo economico, culturale e sociale" ha affermato la Sig.ra Iva Pavić, console generale di Croazia a Milano.

Makarska testimonia realmente i ricchi rapporti culturali tra la Croazia e l'Italia, Paesi con una forte eredità comune, dalla presenza romana (quando la città aveva il nome di Muccurum) ai tanti secoli di governo della Serenissima lungo la costa dalmata, per scoprire i quali basta passeggiare per la piazza principale di Makarska dove si incontra la chiesa di San Marco, gioiello di barocco veneziano del 1766 e la fontana di Venezia costruita qualche anno più tardi quando la città fu dotata dell'acqua potabile.

Ed è nella stessa piazza del centro città che le influenze italiane si mescolano con la cultura autoctona croata rappresentata dalla statua del francescano Andrija Kacic Miosic, uno dei più famosi poeti di tutta la Dalmazia, autore del popolarissimo libro "Razgovor ugodni naroda slovinskog", ("Conversazione piacevole del popolo slovino") pubblicato per la prima volta nel 1756 a Venezia e poi ristampato in più di 60 edizioni (una delle prime edizioni è gelosamente custodita dalla Biblioteca Ambrosiana di Milano ed inserita tra i fondi dell'Accademia della Classe di Slavistica) con il quale viene narrata l'epopea del popolo croato e dei suoi eroi, dai tempi più antichi fino alla resistenza all'avanzata turca, nel segno dell'appartenenza dei croati allo spazio culturale e spirituale dell'occidente cristiano.

La città celebra un altro importante legame con la cultura italiana attraverso la figura di Alberto Fortis, geologo padovano, autore di uno dei più noti libri sulla Dalmazia di tutti i tempi, quel "Viaggio in Dalmazia" pubblicato nel 1774 contenente la ballata "Hasanaginica" che ebbe risonanza europea; un'impresa professionale e umana con lo scopo di far conoscere a Venezia e all'altra parte dell'Adriatico occidentale, l'entroterra dalmata e la cultura autentica dei Morlacchi, fino ad allora poco nota ma custode di antiche leggi, riti e costumi slavi.

Città di Makarska nelle sue relazioni internazionali con altre città estere vanta un Patto di amicizia di lunga data con la Città Roseto degli Abruzzi. Il Patto di amicizia e' stato firmato ancora nell' anno 1980 e i rapporti di amicizia sono curati fino ad oggi, ha detto il sindaco di Makarska sig. Jure Brkan. Sindaco Brkan ha ricordato anche la minoranza linguistica croata in Italia e croati molisani che sono riusciti a preservare piu' di V secoli la lingua croata nella Regione Molise. Origini dei croati molisani sono proprio nel territorio di Neretva e Makarska da dove sono venuti in Italia, cinque secoli fa, preservando fino a data odierna la loro lingua, usanze e identità. Il sindaco ha espresso l'orgoglio che in uno dei paesini con minoranza croata Montemitro/Mundimitar la via principale si chiama Via Makarska.

Makarska e Milano dunque per testimoniare i legami storici e plurisecolari tra la Croazia e l'Italia, dalla religione alla cultura, dai rapporti commerciali alle migrazioni di popoli tra i due rami dell'Adriatico.croazia

La kermesse artistica e culturale di quest'anno ha giustamente il titolo "Tra le braccia della bellezza" poiché Makarska e la sua riviera con 50 chilometri di costa significano soprattutto bellezze naturali, spiagge, baie ed insenature ed incontro tra mare e montagna. La forza della natura raggiunge infatti a Makarska uno dei suoi apogei trovandosi la città in una delle zone più belle della Dalmazia davanti alle meravigliose isole di Hvar, Brac e Vis ed estendendosi ai piedi di drammatici rilievi montuosi: si tratta dell'imponente Monte Biokovo, riserva naturale e paradiso selvaggio meta di escursionisti che conserva rari esempi di antica architettura rurale, ha detto Hloverka Srzić Novak, direttrice del Ente Turistico di Makarska. Il Biokovo e Makarska fanno parte di un tutt'uno, la montagna si erge infatti proprio alle spalle della città, protettrice ideale di tutti i paesini della costa, e scende a picco verso il mare con creste e dirupi formando insieme alle infinite spiagge della riviera un quadro davvero suggestivo.

Cultura e bellezze naturali sono state presentate ai milanesi dalla Repubblica di Croazia e dalla Città di Makarska, in collaborazione con la città di Milano e con il sostegno della rappresentanza croata a Milano in un luogo di prestigio quale la Sala Ex Fornace a Milano Alzaia Naviglio Pavese n. 16A.

Una serata ricca caratterizzata da una completa espressione letteraria, musicale, artistica e storica, che comincerà con la presentazione di tre mostre che guardano sia al passato sia al futuro della città di Makarska:

la mostra storico-culturale il "Patrimonio culturale della Città di Markarska" presentata dal Museo Civico di Makarska;

la mostra d'arte "Paesaggi", proveniente dalla Galleria Civica "Antun Gojak", parte della collezione Gojak donata alla Città;

la mostra "Mafest", manifesti autentici del festival internazionale del fumetto (Mafest) che si tiene annualmente a Makarska e a quale partecipano numerosi fumettisti milanesi, vera rappresentanza della contemporaneità'

Per quanto concerne la parte musicale gli ospiti avranno l'opportunità di apprezzare i famosi canti a cappella ascoltando la "Klapa Srdela" , Coro della Compagnia Folcloristica "Tempet" oltre alle note della "Diger Band" della Scuola di Musica di Makarska, la quale ha dato moltissimi virtuosi della musica classica conosciuti anche al di fuori della Croazia.

La serata si è conclusa con una presentazione eno-gastronomica della città di Makarska dove certamente non mancherà la celeberrima torta Makarana.

Il programma è proseguito il giorno dopo, giovedì 27 giugno 2018, quando sempre presso l'Ex Fornace alle 19.30 si è tenuto un intervento tenuto da prof. Veljko Barbieri , scrittore di romanzi, racconti, libri di viaggio ed esperto di gastronomia croata, intitolato "L'eredità del litorale di Makarska nel contesto mediterraneo".

Questo giorno importante dedicato alla Repubblica di Croazia e a Makarska a Milano segue di appena un mese la visita ufficiale a Roma del Presidente della Repubblica di Croazia (S.E. la signora Kolinda Grabar-Kitarovic) con il Presidente della Repubblica Italiana (S.E. il signor Sergio Mattarella) e vuole testimoniare ancora una volta gli ottimi rapporti tra i due paesi e le sinergie in atto tra le istituzioni croate e quelle italiane, tra le istituzioni della Città di Makarska e Milano e la profonda amicizia del popolo croato con i milanesi.

Ultima modifica 29 Giugno 2018
Valuta questo articolo
(1 Vota)