MetropolNews

13:5521112018

Ultimo Aggiornamento01:04:45 PM GMT

Back Turismo Viaggi Castello di Chenonceau espressione di perfezione

Castello di Chenonceau espressione di perfezione

Chenonceau ssCastello di Chenonceau espressione di perfezione

L'osservazione di Chenonceau evoca l'idea di un'armonia perfetta tra gli elementi della natura (acqua, aria e flora) e un'architettura unica, riconosciuta nel mondo intero.

Il castello propone ai suoi "ospiti per un giorno", venuti dai cinque continenti, un invito alla grazia ...Un abbandono alla dolcezza e alla bellezza dei luoghi ... Chenonceau ha alimentato le passioni dei proprietari successivi, tutti trasportati dal vortice della Storia. Residenza reale, è un sito eccezionale anche per il suo destino singolare: costruito, amato, amministrato e protetto da personaggi femminili straordinari. Diana di Poitiers, favorita del re Enrico II, fa realizzare a Chenonceau dei giardini spettacolari e, con la costruzione del celebre ponte che attraversa il fiume Cher, offre al castello la sua architettura più unica che rara. Caterina de' Medici, vedova del re, allontana Diana e fa costruire la galleria a due piani dove, durante la reggenza, organizza feste sontuose. Alla morte di suo marito, il re Enrico III, Luisa di Lorena porta il lutto in bianco e si dedica alla preghiera: la sua morte segna la fine della storia reale a Chenonceau. Louise Dupin, deliziosa rappresentante del Secolo dei Lumi, restituisce il fasto iniziale al castello, dove tiene un salotto brillante, circondata da filosofi come Montesquieu, Voltaire o Rousseau: sarà lei a preservare il castello durante la Rivoluzione. Appartenente alla borghesia industriale, Marguerite Pelouze decide di fare del monumento e del suo parco, lo specchio del suo successo: spenderà una fortuna per restaurarlo e finirà in miseria. Simone Menier, capo infermiera, amministra l'ospedale installato, a spese della sua famiglia, nelle due gallerie del castello dove saranno curati più di 2000 feriti di guerra fino al 1918.Château Chenonceau IM

Il monumento possiede numerosi capolavori: una magnifica collezione d'arazzi, di mobili e dipinti di François Clouet, Murillo, Tintoretto, Nicolas Poussin, Correggio, Rubens, Primaticcio, "Le Tre Grazie" di Van Loo... Questi quadri eccezionali, opere dei maggiori artisti europei del '500, '600 e '700, fanno eco alla ricca storia di Chenonceau e al ruolo di primo piano che hanno sempre avuto le donne. Dal Rinascimento ai nostri giorni, Chenonceau ha sempre coltivato la bellezza degli incontri

L'Orto dei Fiori offre un centinaio di varietà di fiori che sono utilizzati per decorare le camere e i saloni del castello. L'atelier floreale situato nel cortile della fattoria, magnifico insieme di edifici del XVI secolo, apre le sue porte ai visitatori che desiderano scoprire il lavoro dei fioristi che creano i sublimi bouquet, con tematiche diverse ad ogni stagione e, in particolare, per le feste di fine d'anno quando gli alberi di Natale e le tradizionali decorazioni invadono con bellezza gli ambienti.

Capolavoro del Rinascimento, Chenonceau s'ispira direttamente al Ponte Vecchio.Jardin de de Marc

Grazie al ruolo di primo piano delle "Dame", l'impronta femminile è onnipresente... I giardini di Caterina de' Medici e di Diana di Poitiers sono un'architettura vegetale ideale, di una grazia infinita. Dal Giardino Verde, disegnato da Bernard Palissy, fino al labirinto italiano...

I giardini sono a Chenonceau, l'immagine terrestre di un paradiso da sogno.

Boutique

La nuova boutique del Castello è libera d'accesso e aperta al pubblico tutti i giorni, tutto l'anno. Grande scelta di oggetti raffinati e originali, presentati in esclusiva o in serie limitata. Souvenir, cartoline, libri e libri d'arte, oggetti di decorazione e gioielli. Spazio dedicato ai "principini e alle principesse" e sezioni a tema secondo le stagioni e la programmazione del Castello.

Visita audio guidataLouise de Lorraines bedroom

Castello visionario, dal Rinascimento al secolo dei Lumi, Chenonceau è da sempre sensile al progresso dell'innovazione. I visitatori, provenienti dal mondo intero, scoprono oggi, la qualità dell'accoglienza, attraverso una visita audio e video guidata con l'iPod video in 11 lingue: lo schermo a colori ad alta definizione permette di visualizzare tutti i "bonus" del castello.

Grazie al sistema video, le persone a mobilità ridotta possono accedere all'insieme delle sale, alle magnifiche cucine e alle immagini d'archivio, a delle vedute inedite, ai dettagli architettonici del castello, in tutte le stagioni.

Applicazione iPhone, iPad et iPod touch.

La visita in 11 lingue è disponibile su Apple Store.

Chenonceau, tutti i giorni, tutto l'anno...

Il castello è aperto tutti i giorni, tutto l'anno. La biglietteria chiude 30 minuti prima dell'orario di chiusura del castello

Dal 1° gennaio al 21 febbraio: 9.30 - 17.00

Dal 22 febbraio al 29 marzo: 9.30 - 17.30

Dal 30 marzo al 31 maggio: 9.00 - 19.00chambre diane de poitiers

Dal 1° giugno al 30 giugno: 9.00 - 19.30

Dal 1° luglio al 31 agosto: 9.00 - 20.00

Dal 1° settembre al 30 settembre: 9.00 - 19.30

Dal 1° ottobre al 24 ottobre: 9.00 - 18.30

Dal 25 ottobre all'11 novembre: 9.00 - 18.00

Dal 12 novembre al 31 dicembre: 9.30 - 17.00

Come raggiungerci

Château de Chenonceau - 37150 CHENONCEAUX

Il Castello è situato nella Turenna, a 214 km da Parigi, 34 km da Tours. 2 ore di macchina

Con l'autostrada A10 (uscita Blois o Amboise) - 1 ora di T.G.V. Paris-Montparnasse /St-Pierre-des-Corps (Tours) 1h40 di T.G.V.

Paris-Aéroport Roissy-CDG / St-Pierre-des-Corps 25 min. di TER

Tours-Chenonceaux

Informazioni

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  

www.chenonceau.com 

www.france.fr  

Ultima modifica 20 Agosto 2018
Valuta questo articolo
(1 Vota)